Rifugio Bugone

Il Rifugio Bugone è situato nell'omonima conca, lungo la Via dei Monti Lariani.

Primo Itinerario: dalla Cà Bossi (Monte Bisbino)
Nel centro di Cernobbio (Co), in Piazza Mazzini, giriamo a sinistra in Via Volta. Superato l'ampio parcheggio, la strada sale con vari tornanti verso il Monte Bisbino (m. 1325).
Dopo 14 chilometri troviamo sulla destra una stradina che conduce alla Ca Bossi, punto di partenza della nostra escursione. Siamo all'Alpe Piella (m. 1188).
Le possibilità di parcheggio sono assai scarse; possiamo provare al tornante successivo o, volendo faticare un poco di più, lasciare l'auto un chilometro e mezzo prima, quando troviamo sulla destra una ripida mulattiera che in 15 minuti conduce alla Ca Bossi. Anche in questo caso però c'è pochissimo spazio per la nostra vettura.
(Chi volesse fare l'intero percorso a piedi partendo da Cernobbio; può trovare la descrizione dettagliata del sentiero nella pagina della Capanna Falco, posta quasi in cima al Bisbino.)

Con una stradina sterrata in discesa, ci incamminiamo verso il cancello dell'Istituto dei Padri Somaschi.
Lasciamo a destra una cabina dell'Enel, sulle cui pareti una scritta indica il Rifugio Bugone, e proseguiamo costeggiando il muro che fa da recinzione all'edificio.
Incontriamo la mulattiera di cui sopra che sale da destra e poco dopo raggiungiamo un trivio.

Possiamo utilizzare sia la sterrata a sinistra che l'ampio sentiero al centro. I segnavia indicano che, in ogni caso, raggiungeremo il Rifugio Bugone in 15 minuti. Altri cartelli segnalano il Rifugio Binate, il Rifugio Murelli e l'agriturismo San Bernardo. Ignoriamo invece il percorso più a destra, chiuso da una sbarra verde.

Con la sterrata a sinistra facciamo un percorso più basso e, dopo la prima curva, proseguiamo in discesa su fondo in cemento. Ignorata poi una stradina a sinistra chiusa da una sbarra continuiamo quasi in piano su sterrato.
Con in sentiero invece procediamo quasi in piano tra le betulle.
Più avanti ignoriamo una stradina chiusa da una sbarra che sale a destra. Il percorso ora si restringe e scende nel bosco verso una casa bianca.
Prima di raggiungerla, troviamo un segnavia che indica a destra il sentiero che in 20 minuti conduce a Garzegallo.
Oltre la casa ritroviamo la sterrata con la quale continuiamo verso destra, dapprima in piano e poi in lieve salita, fino il Rifugio.

Tempo impiegato: ore 0.20 - Dislivello: m. -69
Data escursione: marzo 2008
 
Secondo Itinerario: da Argegno-Posa
Lasciamo la statale 340 Regina all'inizio di Argegno, al km. 17, per deviare a sinistra ed imboccare la provinciale 13 Erbonne, che sale verso le varie frazioni di Schignano.
Giunti a Retegno prendiamo a sinistra Via Rosa del Sasso (cartello indicatore: Rifugio Prabello) e procedendo con questa stretta stradina superiamo alcune frazioni ed arriviamo a Posa.
Verso la fine dell'abitato troviamo, ben segnalato, l'inizio del nostro percorso (m. 836); un cartello infatti indica la Via delle Alpi: il Sasso Gordona a ore 2.10 e la Colma della Crocetta a ore 1.10.

Ci incamminiamo in questa direzione e dopo aver superato l'acquedotto e alcune case, iniziamo a salire ripidamente nel bosco.
Ad una svolta superiamo un ruscello su di un ponte e poi percorriamo un breve tratto in piano nel quale ignoriamo una stradina sulla sinistra.
Poco dopo raggiungiamo un altro bivio: qui troviamo l'indicazione del Rifugio Binate a sinistra, mentre dall'altra parte si va in 20 minuti all'Alpe Fontanella.
Riprendiamo la nostra salita e subito trascuriamo la deviazione a sinistra verso un agriturismo.
Superata una curva ci appare il Sasso Gordona (m. 1410).
Poi, in località Treviglio (m. 1058), la stradina si restringe, passando accanto ad una bella baita di pietra e, al successivo bivio, voltiamo a sinistra seguendo le indicazioni (Colma di Binate) mentre a destra si va al Rifugio Prabello in ore 0.45 o al Sasso Gordona.
Continuiamo, sempre in salita, fino a giungere alla Colma (m. 1131).
Ignorato il sentiero che, sulla destra, conduce al Rifugio Prabello, procediamo quasi in piano, sulla sinistra, verso il già visibile Rifugio Binate.
Superiamo alcuni ruderi di baite e un'area con tavoloni e panche in legno. Il Sasso Gordona è ora alle nostre spalle.
Dopo essere passati tra una vecchia baita e due grossi alberi, il percorso riprende dolcemente a salire ed in breve arriviamo al Binate (m. 1200).

Oltre il rifugio proseguiamo nel bosco alternando due tratti in piano ad altrettanti in salita fino ad arrivare alla Colma (m. 1250).
La stradina ora scende sulla sinistra verso il già visibile Rifugio Murelli.
Il primo tratto è asfaltato e termina quando incontriamo sulla destra la deviazione, chiusa da una sbarra, per l'Alpe San Bernardo.
Più avanti ignoriamo una sterrata a sinistra, ben segnalata, che conduce all'agriturismo S. Bernardo.
Infine con un ultimo tratto in discesa raggiungiamo il Rifugio Murelli (m. 1190).

Oltre il Rifugio Murelli proseguiamo nel bosco, dapprima con un breve tratto in discesa e poi in piano.
Troviamo un piccolo slargo a sinistra (Crinco m. 1167). Qui si innesta la mulattiera (descritta nel quinto itinerario) che sale da Urio (nessun cartello indicatore). Gli unici segnavia indicano il Rifugio Binate e l'agriturismo San Bernardo alle nostre spalle.
Superiamo due tavoloni con panche e arriviamo in località Foo Storc dove troviamo alcune vecchie baite (vedi foto) in posizione panoramica sul sottostante lago di Como.
Ad un bivio ignoriamo il sentiero che sale a sinistra verso una casa bianca, così come, più avanti, un altro che ridiscende dalla stessa. In questo punto alcuni cartelli indicano i rifugi Binate e Murelli alle nostre spalle.
Attraversiamo ora una bella faggeta (vedi foto) alternando quattro tratti quasi in piano a brevi discese (la seconda e la terza hanno il fondo in cemento). A sinistra, oltre la vallata, distinguiamo nettamente il Sasso Gordona.
Infine quasi in piano superiamo alcuni edifici e arriviamo al Rifugio Bugone.

Tempo impiegato: Posa/Binate: 1.00 + Binate/Murelli: 0.35 + Murelli/Bugone: 0.40 = Complessive ore 2.15
Dislivello m. 414 in salita e m. -131 in discesa
Data escursione: novembre 2003
 
Terzo Itinerario: da Moltrasio (per i Monti di Lenno)
Da Como, con la provinciale che percorre la sponda occidentale del lago, superiamo Cernobbio e Villa d'Este.
Al trivio all'inizio di Moltrasio andiamo a destra. Al successivo bivio prendiamo la stretta strada sulla sinistra con la quale continuiamo fino alla chiesa parrocchiale dedicata ai santi Martino e Agata (m. 247).
Un segnavia indica verso sinistra i Monti di Liscione a ore 1, il Rifugio Bugone a ore 2 e il Rifugio Murelli a ore 2.45. Un cartello indica invece il torrente Pizzallo che si può vedere affacciandosi al parapetto sulla destra della strada.
Lasciamo la macchina nei parcheggi segnati lungo il bordo sinistro della strada, possibilmente vicino alla chiesa.

Guardando la facciata della chiesa, prendiamo a destra una scala che conduce in Via Raschi. Poi, volgendo le spalle al campanile, andiamo a destra e raggiungiamo Piazza Umberto I.
All'inizio della piccola piazza, i segnavia indicano a sinistra i Monti di Lenno a ore 0.50, il Rifugio Bugone a ore 1.50 e il Rifugio Murelli a ore 2.35.
Attraversando la piazza invece altri segnavia posti accanto a una fontana indicano i Monti di Liscione a ore 0.50.
Andiamo a sinistra imboccando Via al Noce. Qui inizia la splendida mulattiera, vera opera di ingegneria rurale, che dovremo percorrere.

Saliamo tra le case e raggiungiamo una fontana. Da questo punto, la parte destra della mulattiera è a gradini.
Sottopassiamo la statale 340 e, raggiunto il livello stradale (m. 280), continuiamo in ripida ascesa verso monte.
Dopo una curva a sinistra iniziamo a vedere il lago sopra i tetti della case di Moltrasio.
Alla successiva curva, verso destra, troviamo una fontana e una stradina che sale da sinistra. La ignoriamo come pure, subito dopo, altre due, una per parte. Siamo tra le case della frazione di Casarico.
Il percorso ora è decisamente ripido e praticamente con ci concederà un attimo di tregua fino ai Monti di Lenno.

Un'altra strada si immette da destra. Poco dopo troviamo una fontana accanto ad una panca. Una scritta sul muro dice: "Fermati o passeggero e dissetati a questa fonte. A metà strada sei tra lago e monte. Salute".
Più avanti, nei pressi di un bivio, troviamo una cappelletta con una statua della Madonna. I segnavia indicano diritto il Sentee de Soort che conduce a Rovenna in ore 0.40. Andiamo invece a destra verso i Monti di Lenno a ore 0.30, il Rifugio Bugone a ore 1.30 e il Rifugio Murelli a ore 2.15.
Poco dopo ignoriamo una stradina sulla destra che porta a una villa. Qui terminano le case e inizia il bosco.

Il percorso è sempre ripido. A lato della mulattiera in alcuni tratti ci sono delle mura di contenimento o dei muretti a secco.
Superati alcuni tornanti, raggiungiamo due tralicci dell'alta tensione e ne passiamo sotto i cavi.
Troviamo poi due case isolate nel bosco; in questo tratto a destra ci sono un muretto ed una rete metallica.
Raggiungiamo altri tralicci che deturpano un poco la bella vista panoramica sul lago. Ora la mulattiera è meno ripida.
Superato un rudere, raggiungiamo l'alpeggio dei Monti di Lenno. Saliamo tra case di pietra, quasi tutte ben conservate, e qualche stalla.
Passiamo accanto ad una vasca abbeveratoio e raggiungiamo una casa sulle cui pareti c'è un affresco raffigurante una madonna con bambino.
Ci sono anche una fontana, una rosa dei venti ed un cartello che ci ricorda che siamo ai Monti di Lenno (m. 610).

Superate le ultime case e due slarghi sulla destra, continuiamo nel bosco con minore pendenza.
Raggiungiamo un incrocio accanto ad un garage (m. 625). A sinistra una stradina si dirige verso una casa e il tornante più orientale della carrozzabile che sale al Bisbino. A destra un sentiero in discesa conduce ai Monti di Liscione segnalati a 45' e ai Monti di Urio a 60'. Diritto il Rifugio Bisbino viene invece indicato a 80'.
In salita nel bosco passiamo accanto ad una piccola costruzione dell'acquedotto.
Subito dopo superiamo la fonte Combo, posta sulla sinistra un poco discosta dalla mulattiera. L'acqua esce da un tubicino di ferro e scende in una vasca. A sinistra della sorgente un sentiero va a raggiungere Zoca d'Ass (m. 940 - 45 minuti), dove si trova una grotta ben nota agli speleologi.

Continuiamo con il nostro percorso. Volgendoci indietro verso destra vediamo uno spicchio di lago.
Dopo un tratto in leggera salita, la pendenza si accentua fino a quando raggiungiamo un sentiero che si immette da sinistra.
Continuiamo con poca pendenza. Un altro sentiero si stacca sulla destra (m. 735).
Poi in salita raggiungiamo la testata della valle dove un ruscello che scende dalla montagna, passa sotto il nostro percorso (m. 755).
Curviamo a destra e, con minore pendenza, iniziamo ad aggirare la Val Vesporina. Alla nostra destra vediamo una parte del lago.
Superiamo un vecchio baitello senza infissi (m. 770). Potrebbe essere utilizzato come riparo in caso di un improvviso acquazzone.
Poco più avanti un altro ruscelletto passa sotto alla mulattiera.

Continuiamo in salita e presso una curva a sinistra troviamo una vecchia cascina abbandonata; sul muro una freccia gialla indica la nostra direzione di marcia (m. 805).
Ora la pendenza aumenta e, dopo una curva a destra, diventa ripida.
Percorriamo poi un tratto in piano e in leggera salita (m. 910) e, dopo una curva a sinistra, vediamo una casa bianca, in alto davanti a noi.
Riprendiamo a salire. Alcuni strati di roccia fuoriescono dal terreno alla nostra sinistra.
Ignoriamo un sentierino sulla destra accanto ad un cartello giallo che indica una zona di addestramento cani (m. 975).

Dopo un tratto quasi in piano; in salita raggiungiamo una casa in pietra sulla quale è dipinto il segnavia n. 1 a bandierina di colore rosso bianco rosso che indica la Via dei Monti Lariani.
Poco dopo raggiungiamo un'altra casa sulla cui facciata notiamo un piccolo affresco ormai consumato dal tempo (m. 1050). Anche la scritta "Casa ..oelli" è oramai illeggibile.
Continuiamo in piano attraversando un bel gruppo di faggi secolari. Il panorama sul lago alla nostra destra ora è molto più ampio e spazia dalle Grigne fino alla conca di Como e oltre.

Riprendiamo a salire tra le robinie in modo abbastanza ripido, e raggiungiamo un grande muro di contenimento, seguito da un gruppo di vecchie case.
Una freccia gialla indica il rifugio, già visibile, davanti a noi.
Passiamo tra un grande faggio pluricentenario, recintato con una staccionata in legno, e un cartello che indica alle nostre spalle i Monti di Lenno a 50'.
Siamo alla Colma del Bugone e il rifugio è li davanti a noi.

Tempo impiegato: ore 2.00 - Dislivello: m. 872
Data escursione: dicembre 2007
 
Quarto Itinerario: da Moltrasio (per i Monti di Liscione)
Questo itinerario, come il precedente, parte dalla chiesa parrocchiale di Moltrasio (m. 247 - segnavia: Monti di Liscione a ore 1, Rifugio Bugone a ore 2, Rifugio Murelli a ore 2.45).
E' pertanto possibile fare un giro ad anello utilizzando un percorso per la salita e l'altro per la discesa.
E' anche possibile effettuare un giro ridotto usufruendo del sentiero che unisce i Monti di Lenno e i Monti di Liscione.

Guardando la facciata della chiesa, prendiamo a destra una scala che conduce in Via Raschi. Poi, volgendo le spalle al campanile, andiamo a destra e raggiungiamo Piazza Umberto I.
All'inizio della piccola piazza, i segnavia indicano a sinistra i Monti di Lenno a ore 0.50 (vedi il terzo itinerario).
Attraversando la piazza invece altri segnavia posti accanto a una fontana indicano i Monti di Liscione a ore 0.50, il Rifugio Bugone a ore 1.50 e il Rifugio Murelli a ore 2.35.
Prendiamo quest'ultima direzione e ci incamminiamo in piano alla destra del torrente Pizzallo su di una stradina acciottolata.
La strada diviene poi una mulattiera a gradini e passa sotto alla statale 340.
Continuiamo ripidamente tra case, mura e muretti. I gradini terminano quando incontriamo un tratto con minore pendenza.
Poi, superato il torrente con un ponte, riprendiamo a salire con altri gradini (m. 290).
Raggiungiamo il bivio di Villa Memy, accanto a una fontana e andiamo a destra in piano.
Un'altra serie di gradini ci conduce poi sulla strada asfaltata (m. 315) che proviene dalla piazzetta di Tosnacco (vedi la variante più sotto descritta).
Alcuni segnavia indicano i Monti di Liscione a ore 0.45, il Rifugio Bugone a ore 1.40 e il Rifugio Murelli a ore 2.25.

Attraversata la strada, continuiamo con la mulattiera godendo di una bella vista sul lago alla nostra destra.
Ignoriamo una scala che sale a sinistra tra le case e poi un sentierino che scende a destra.
Ora camminiamo in piano. Nei pressi di una fontana, una stradina arriva da sinistra.
Continuiamo tra le case, trascurando un'altra stradina a sinistra poi, raggiunta una fontana con una vasca, giriamo a sinistra in Via Bianchi e riprendiamo a salire su fondo selciato.
Ad un bivio andiamo a sinistra in salita (m. 345). Qui si innesta il percorso più sotto descritto come variante e cominciamo a trovare i segnavia a bandierina di colore rosso bianco rosso con il numero 1 che indica la Via dei Monti Lariani.

Al bivio successivo troviamo una crocetta di ferro che segna l'inizio di una Via Crucis che ci accompagnerà con le sue varie stazioni fino ai Monti di Liscione. Un cartello ci informa che siamo a Somaino (m. 360).
Andiamo a destra passando tra un muro e una recinzione metallica. Le case sono terminate e saliamo in modo decisamente ripido. La bella vista sul lago ci attenua un poco la fatica.
Raggiunto un tornante (II stazione), ignoriamo due sentieri che si staccano sulla destra (m. 390).
Passiamo sotto i cavi dell'alta tensione e raggiungiamo il successivo tornante (m. 415 - III stazione).
Subito dopo ignoriamo un sentiero contrassegnato da bolli rossi che sale a sinistra.
Con percorso sempre assai ripido superiamo altri tre tornanti e relative stazioni della Via Crucis.
Poi un tratto in leggera salita ci porta accanto ad una parete sulla quale è stata affrescata una madonna con bambino. Una scala in roccia sulla destra porta ad un terrazzino erboso davanti al dipinto. Siamo a Lingim (m. 515 - VII stazione).

Riprendiamo a salire e passiamo sotto i cavi dell'alta tensione.
Poco prima di un tornante (VIII stazione), lasciamo un rudere a destra e una vecchia baita di pietra a sinistra.
Ora sulla destra ci sono alcuni tralicci che ci accompagnano fino al tornante successivo (m. 580 - IX stazione).
Ancora due tornanti, il secondo dei quali più corto dei precedenti (m. 630 XI stazione). Poi, a sinistra si stacca un sentierino.
Tra i due successivi tornanti passiamo sotto ad un cavo di teleferica, quasi ad altezza d'uomo.
Dopo il tornante della XIII stazione, in vista della prime case di Liscione, ignoriamo un sentiero sulla sinistra.
Continuiamo tra terrazzamenti erbosi e raggiungiamo il borgo le cui vecchie abitazioni sembrano disabitate.

Tra le case la mulattiera diventa a gradini con due strisce di cemento ai lati.
Ben presto raggiungiamo un bivio dove un evidente cartello giallo ci informa che siamo ai Monti di Liscione (m. 704) antico borgo storico del 1600 con sorgente chiamata Puzz.
Altri segnavia indicano a sinistra: la località Piano raggiungibile in mezzora e i Monti di Lenno in un'ora; a destra: il Rifugio Bugone a 50' e i Monti di Urio a 20'.
Andiamo a destra dirigendoci verso una casa sulla cui facciata c'è un affresco, protetto da un vetro, raffigurante una madonna con bambino.
Sul muro troviamo anche l'ultimo quadretto di terracotta della Via Crucis che stranamente porta il numero XV.
Percorriamo la via principale del borgo. Giunti verso le ultime abitazioni vediamo su di un muro la scritta in rosso Via Belvedere.
Continuiamo tra muretti, prati, alberi e terrazzamenti. Poi, quasi in piano, passando tra due mura, raggiungiamo il bivio che precede il castagneto in località Selva (m. 750). I segnavia indicano diritto il Rifugio Bugone a 40' e a destra i Monti di Urio a 10'.
Poco più avanti, sulla sinistra c'è una pozza d'acqua.

Ora iniziamo a compiere un giro verso sinistra delle Valli Orivo e Borascia sulle pendici meridionali del Poncione della Costa.
Riprendiamo a salire. Poco dopo la mulattiera torna ad essere ripida. Ignoriamo un sentiero che sale verso destra (m. 830).
Percorriamo poi un tratto con minore pendenza. Un torrentello che scende dalla montagna alla nostra destra, passa in un tubo sotto la mulattiera (m. 900).
Torniamo a salire ripidamente, fino a una curva a sinistra (m. 940).
Lasciamo a sinistra il rudere di un baitello e continuiamo in leggera salita tra roverelle e castagni.
Superiamo una curva a destra (cartello addestramento cani tipo B - m. 970) e continuiamo alternando alcuni tratti più o meno ripidi.
Ignorato un sentiero sulla destra segnalato da una freccia rossa su una roccia, continuiamo fino a raggiungere il rifugio.

Tempo impiegato: ore 2.00 - Dislivello: m. 872
Data escursione: gennaio 2008
 
Quinto Itinerario: da Tosnacco
Questa è una variante (leggermente più breve) della parte iniziale del precedente itinerario. Anziché dalla chiesa di Moltrasio (m. 247) partiamo dalla frazione di Tosnacco (m. 315).
Da Como, con la nuova panoramica statale 340 che segue la sponda occidentale del lago passando a monte di Cernobbio, Moltrasio e Carate, superiamo le quattro gallerie e arriviamo, dopo circa un chilometro, ad un semaforo.
Un segnale stradale indica Tosnacco a sinistra. Saliamo fino ad un bivio dove andiamo a sinistra e parcheggiamo nella piazzetta o lungo la via.
Alcuni segnavia indicano verso destra i Monti di Liscione a ore 0.45, il Rifugio Bugone a ore 1.40 e il Rifugio Murelli a ore 2.25.

Con una scala saliamo verso il paese, lasciando a destra una piazzetta. Qui ci sono altri segnavia che, nonostante abbiamo percorso solo pochi passi, indicano un tempo inferiore di quindici minuti per raggiungere le stesse destinazioni.
Continuiamo diritto e in salita tra le case, ignorando le viuzze ai lati e superando in successione tre fontane. Sulla destra c'è un corrimano.
Troviamo alcuni segnavia con il numero 1 in campo rosso bianco rosso.
Ad un bivio, nei pressi della terza fontana, andiamo a sinistra. Poco dopo raggiungiamo il tornante presso il quale i due percorsi si uniscono (m. 345).
Al tornante successivo inizia la Via Crucis e continuiamo come precedentemente descritto.

Tempo impiegato: ore 1.40 - Dislivello: m. 804
Data escursione: dicembre 2007
 
Sesto Itinerario: da Urio
Da Como, con la nuova panoramica statale 340 che segue la sponda occidentale del lago passando a monte di Cernobbio, Moltrasio e Carate Urio, superiamo le quattro gallerie e continuiamo per altri km 2,3 fino a trovare sulla destra l'Hotel Concord.
A sinistra c'è uno slargo sterrato dove possiamo parcheggiare la macchina (m. 285).

Prendiamo una stradina selciata, Via al Cimitero, che sale tra un muro e una protezione.
Oppure percorriamo un centinaio di metri a lato della strada e poi prendiamo a sinistra una stradina asfaltata all'inizio della quale alcuni segnavia indicano: Cavadino, SS Trinità, Monte di Urio e Cimitero di Urio.
In entrambi i casi, poco dopo, raggiungiamo il cimitero. Alla destra del cancello di ingresso parte la mulattiera (segnavia n. 30; Monti di Urio a ore 1 e Rifugio Murelli a ore 2.15).

Saliamo ripidamente nel bosco, con bella vista sul lago alla nostra sinistra.
Raggiunto un muro, ignoriamo un sentierino contrassegnato da bolli rossi, che sale a destra; come pure un altro sentiero a gradini al termine dello stesso muro e prima di una casa.
Un sentiero di immette da sinistra. In questo tratto alla destra della mulattiera ci sono dei gradini che più avanti continuano sull'altro lato. Dopo dopo, presso una curva a destra, superiamo una vecchia casa di pietra sulla cui facciata è appeso un cartello ormai illeggibile (m. 380).
Poi, passati sotto i fili della corrente elettrica, il percorso continua con poca pendenza fino a un tornante a sinistra dove troviamo un quadretto raffigurante una madonna.
Torniamo a salire ripidamente e superiamo altri due tornanti. Un sentierino si stacca sulla destra a metà di un muretto sul quale sono state dipinte una striscia gialla e una rossa (m. 465).
Poco più avanti, al successivo tornante, ignoriamo un altro sentiero che continua diritto.
Passiamo sotto i cavi dell'alta tensione. Il percorso ora è meno ripido.
Anche al successivo tornante c'è un sentiero che si stacca dalla mulattiera.
Continuiamo in leggera salita ripassando sotto i cavi dell'alta tensione. Poi, superato un vecchio baitello (m. 525) la pendenza aumenta.

Al successivo tornante passiamo accanto ad un traliccio; anche qui c'è un sentiero che continua diritto.
Proseguiamo con alcuni corti e ripidi tornanti che salgono come una serpentina poi percorriamo un lungo traverso a sinistra.
Dopo altri due ripidi tornanti (m. 625) continuiamo con minore pendenza; poi superato un altro tornante e una ampia curva a sinistra iniziamo a vedere tra gli alberi le case dei Monti di Urio.
Troviamo alcuni cartelli che indicano una zona di divieto di segugio e caccia alla lepre; incrociamo un piccolo sentiero e raggiungiamo un bivio. Continuiamo verso destra in leggera salita a raggiungiamo le prime case dell'alpeggio. Sulla prima casa a destra un cartello informa che siamo arrivati ai Monti di Urio (m. 720).
In salita tra le case raggiungiamo un bivio; un cartello indica a destra il Sentiero dell'Orlo che conduce ai Monti di Carate. Andiamo invece a sinistra e raggiungiamo un altro bivio nei pressi di una bella cappellina dedicata alla Madonna della Neve. Alcuni segnavia indicano a sinistra i Monti di Liscione, una fonte e il Rifugio Bugone. A destra invece viene segnalato il Rifugio Murelli.

In effetti se vogliamo arrivare al Rifugio Bugone per la via più breve, è opportuno continuare sulla sinistra in piano. In questo caso, poco dopo, ignorata una scalinata sulla destra che conduce ad una baita, raggiungiamo la fonte. Ci sono due rubinetti, uno ad altezza d'uomo con un mestolo e l'altro più in basso con una ciotola. Subito dopo c'è un bivio e, proseguendo sulla destra in salita, raggiungiamo le ultime case. Piegando a sinistra tra i prati, in soli dieci minuti arriviamo al castagneto situato poco sopra dei Monti di Liscione dove troviamo l'altra mulattiera (descritta nel quarto itinerario) che sale al rifugio.

Oggi però vogliamo fare un giro un po' più lungo continuando con la mulattiera che stiamo percorrendo fino alla Colma del Crinco dove termina immettendosi sulla stradina che percorre la dorsale tra il Bisbino e il Sasso Gordona.
Continuiamo pertanto sulla destra, seguendo il segnavia che indica il Rifugio Murelli, e raggiungiamo l'ultima fila di case disposte in orizzontale alla sinistra della mulattiera (m. 750).
Dietro queste case c'è un sentiero che le costeggia; anch'esso, come quello precedentemente indicato, conduce al castagneto sopra i Monti di Liscione.

Continuiamo con la mulattiera passando accanto ad un quadretto raffigurante una madonna.
Saliamo ripidamente passando tra bassi muriccioli a secco in un bosco di roverelle e qualche betulla.
Continuiamo poi quasi in piano tra i castagni iniziando ad aggirare verso destra il Poncione della Costa.
Torniamo poi a salire e superiamo un torrente che scende da sinistra e passa sotto alla mulattiera.

Raggiungiamo un bivio (m. 865); i segnavia indicano a sinistra: Stufura, Monti di Carate, Sasso Grosso, Santa Trinità; a destra il Rifugio Murelli. Andiamo sinistra in leggera salita. Troviamo dei bolli di colore giallo e rosso. La pendenza aumenta.
Percorso un tratto in piano (m. 915), riprendiamo a salire, inizialmente con poca pendenza e poi ripidamente.
Passiamo accanto ad una piccola croce di ferro arrugginito. La pendenza diminuisce. In alto a sinistra tra gli alberi vediamo una casa.
Continuiamo quasi in piano o in leggera salita e di tanto in tanto troviamo dei cartelli che indicano una zona di addestramento cani di tipo B.

Più avanti, sulla destra si stacca il Sentiero di Nusitt (m. 1050) contrassegnato da bolli rossi che conduce verso i Monti di Carate. Continuiamo diritto.
Dopo un tratto in ripida ascesa la mulattiera gira a sinistra tornando quindi in direzione del Rifugio Bugone. La seguiamo ignorando un sentiero che scende sulla destra, segnalato come Variante Alta del Sentiero di Nusitt (bolli gialli), ed un altro che invece continua diritto.
La pendenza diminuisce. Una grande S e una freccia su un faggio indicano un sentiero che si stacca a destra.
Con un ultimo ripido strappo raggiungiamo uno slargo a la stradina sterrata. Siamo alla Colma del Crinco (m. 1167). Non ci sono cartelli che indicano la mulattiera che abbiamo percorso. Gli unici segnavia indicano il Rifugio Binate e l'agriturismo San Bernardo alla nostra destra.

Andiamo a sinistra. Superiamo due tavoloni con panche e arriviamo in località Foo Storc dove troviamo alcune vecchie baite (vedi foto) in posizione panoramica sul sottostante lago di Como.
Ad un bivio ignoriamo il sentiero che sale a sinistra verso una casa bianca, così come, poco dopo, un altro che ridiscende dalla stessa. In questo punto alcuni cartelli indicano i rifugi Binate e Murelli alle nostre spalle.
Attraversiamo ora una bella faggeta (vedi foto) camminando quasi in piano. Gli unici due punti in lieve discesa hanno il fondo in cemento.
Infine quasi in piano superiamo alcuni edifici e arriviamo al Rifugio Bugone.

Tempo impiegato: ore 2.30 - Dislivello: m. +912 -78
Data escursione: gennaio 2008

ESCURSIONI PARTENDO DAL RIFUGIO:
  • alla Vetta del Bisbino (m. 1325) in ore 0.30
  • al Rifugio Murelli (m. 1190) in ore 0.45
  • al Monte S. Bernardo (m. 1351) in ore 1.05
  • al Monte Colmegnone (m. 1383) in ore 1.25
  • al Rifugio Binate (m. 1200) in ore 1.25
  • al Sasso Gordona (m. 1410) in ore 2.15
  • al Rifugio Prabello (m. 1200) in ore 2.15





Dati del Rifugio Bugone

Altezza:
m. 1119
Gruppo:
Monti Lariani
Ubicazione:
Colma del Bugone
Comune:
Moltrasio - CO
Carta Kompass:
91 - B7
Coordinate Geo:
45°52'29.80"N
9°05'13.50"E
Gestore:
Matthew Battistini
Telefono gestore:
338 4466100
334 6588654
Telefono rifugio:
031 513808
Posti letto:
20
Apertura:
1/5-15/9 e weekend
Pagina aggiornata
il: 04/07/2014
Il Rifugio Bugone Baita a Foo Storc Il sentiero nel bosco

clicca qui per stampare questa pagina (solo testo)

Rifugio Budec torna su Rifugio Buzzoni

 Valid HTML 4.01! Copyright  Valid CSS!

Pagina vista da 26573 visitatori