Bivacco Martinelli - Santuario S. Bernardo

Il Santuario di San Bernardo è situato sull'omonimo colle, a sud-ovest di Bione, in posizione dominante la Conca d'Oro.
Davanti all'edificio ci sono il monumento agli Alpini e un tavolo di legno con relative panche.
Sul retro troviamo una torretta campanaria dalla quale scende la corda che consente di suonare la campana. Una porta conduce all'antica sagrestia trasformata in bivacco, in questi giorni chiuso con catena e lucchetto probabilmente a causa delle problematiche di sanificazione Covid-19.
Guardando attraverso le inferriate della porta, si possono vedere all'interno: un tavolo, delle sedie, una cassapanca e un camino.
All'esterno c'è una targa marmorea con la scritta: "Rifugio Medaglia d'argento al V.M. Martinelli Decimo, nato 24-2-1922 - disperso in Russia".

Davanti alla chiesa, su di un cartello a cura del Comune di Bione leggiamo:
"Santuario S. Bernardo Sec. XVII -
Il Santuario, posto in 'monte Parpaegni', è sorto verso la fine del 1600 sulle rovine di un antico edificio sacro antecedente al 1500 del quale conserva solo l'orientamento. L'interno è costituito da un'unica navata, con volte a botte, che immette in un semplice presbiterio, dove sulla parete laterale sinistra è posto un dipinto ad olio raffigurante la Madonna del tordo, opera del pittore veronese Gianni Tabarelli, qui era collocata una pala, trafugata negli anni Sessanta, che rappresentava la Madonna col Bambino affiancata da S. Vigilio, S. Giovanni Battista e S. Bernardo da Mentone con il diavolo incatenato. La chiesa è stata oggetto di opere di manutenzione e consolidamento negli anni 1973,77 e 79 ad opera degli alpini e di volontari, come testimoniato dalla lapide posta sulla facciata della chiesa. Durante queste opere l'antica sagrestia è stata trasformata in 'piccolo rifugio alpino' con accesso dall'esterno. Annesso all'abside della chiesa, esternamente a questa, si trova un piccolo campanile in ferro con campana datata 1739 decorata nella fascia superiore con tralci di vite e sulla quale spiccano le figure di S. Vigilio, della Madonna col Bambino, S. Antonio di Padova e del Crocefisso, con l'invocazione: 'Sancte Rocche protege nos'. Il culto si S. Bernardo è una testimonianza dell'antica presenza benedettina nella zona. La festa del Santuario si celebra la domenica successiva al ferragosto, nella ricorrenza liturgica di S. Bernardo da Chiaravalle.
"

Primo itinerario: da Bione
Usciamo dall'autostrada A4 a Ospitaletto (km. 206.2) e prendiamo la SP 19 che percorriamo interamente.
Dopo il ponte sul Mella, giriamo a sinistra e ci immettiamo nella SP 345.
Superiamo Concesio e proseguiamo fino a Sarezzo dove, al km. 9.5 prendiamo la strada alla destra.
Seguiamo sempre le indicazioni per la Val Sabbia.
Più avanti la strada diventa la SP 79.
Superiamo alcune gallerie e il viadotto sul Garza.
Alla rotonda di Agnosine giriamo a sinistra e continuiamo con la SP 31 fino a Bione.
Arrivati alla Pieve di Bione, troviamo alla sinistra il Municipio e la Chiesa di Santa Maria Assunta. Lasciamo la macchina nel parcheggio sul lato destro della strada (m. 600).

Alla sinistra tra il municipio e la chiesa parte Via Avis. Alcuni cartelloni parlano di Bione. Sono intitolati: "L'arte e i luoghi della devozione", Dimore signorili e architetture tradizionali", "Il territorio e gli abitati", "Conca d'Oro. Itinerario cicloturistico per mountain bike". Su di un pannello davanti alla chiesa leggiamo tra l'altro: "Sorta intorno al IV-V sec. la chiesa si innalza tuttora, con il medesimo orientamento, nel sito originario. In quel periodo attorno alla chiesa si stendeva il cimitero. La Pieve, inizialmente isolata, divenne intorno al sec. X il centro di un piccolo castello, dove trovavano rifugio le popolazioni rurali in occasione delle scorrerie degli Ungheri. Nonostante i continui restauri alla fine del XVI sec. l'edificio era malandato ed insufficiente; venne così decisa la costruzione di una nuova chiesa. Nel 1595 si posò la prima pietra e nel 1629 la chiesa venne consacrata."

Prendiamo Via Avis che subito gira a sinistra passando accanto ad un segnavia che indica la località Piano di Lò.
Proseguiamo in salita lasciando a destra l'Oratorio di Bione. Alla destra della strada c'è un muro mentre alla sinistra ci sono delle protezioni.
Ad un bivio trascuriamo Via Bersenico Sopra che continua diritto e seguiamo Via Avis che gira a destra (m. 615).

Subito dopo lasciamo a sinistra una mulattiera (Via Ricchino). Superiamo una grata per lo scolo dell'acqua e continuiamo con la strada asfaltata tra le case.
Alla destra vediamo la chiesa dall'alto.
Ad un bivio andiamo a sinistra come indicato da una freccia gialla (m. 625).
Camminiamo tra due muri sormontati da reti metalliche.
Percorriamo un tratto quasi in piano (m. 630).
Ad un altro bivio lasciamo a sinistra Via Bersenico Sopra e andiamo a destra in salita con Via Emigrati del Lavoro (m. 640).
Alla sinistra abbiamo una rete sorretta da pali di legno e alla destra un prato.

Poco dopo un cartello segnala che siamo a Navezze. La strada si divide e andiamo a sinistra seguendo l'indicazione per i Piani di Lò (m. 645).
Continuiamo con minore pendenza. Alla sinistra abbiamo ancora la recinzione con pali di legno e una rete mentre alla destra c'è un muro.

Raggiungiamo un altro bivio (m. 655). I segnavia indicano, diritto in discesa: Via del Salto; a destra in salita: Via Pian di Lò. Andiamo a destra passando su di una grata. Un segnale stradale vieta il transito ai mezzi con peso superiore alle 5 tonnellate.
Subito ignoriamo una stradina, coperta da due strisce in cemento, che si stacca alla sinistra e percorriamo una curva verso destra aggirando una casa recintata.
Superiamo una grata per lo scolo dell'acqua.

Alla sinistra abbiamo alberi ed erba mentre alla destra sopra ad un cordolo in cemento c'è una rete di recinzione.
Troviamo un'altra grata. Lasciamo a destra una casa recintata (m. 675).

Continuiamo con il fondo in cemento. Alla sinistra c'è un muretto a secco.
Superiamo una grata formata da cinque tombini allineati e percorriamo una curva verso destra. Vediamo una freccia verde e una rossa (m. 680).
Presso un tratto quasi in piano lasciamo a sinistra un piccolo slargo (m. 685).
Torniamo a salire tra prati e alberi. Transitiamo sotto ai cavi dell'alta tensione (m. 695).

Dopo una semicurva verso sinistra, raggiungiamo una biforcazione all'interno della quale troviamo una cappella con un piccolo campanile. All'interno un affresco raffigura San Gottardo attorniato dalla scritta: "Sterne resistentes stante rege tolle iacentes" (m. 705).
Percorriamo un tratto in lievissima discesa e continuiamo quasi in piano. Alla sinistra ci sono delle protezioni mobili mentre alla destra vediamo un bollo giallo su un muretto.

Proseguiamo con poca pendenza ed entriamo in un bosco. Un segnale stradale avverte del possibile pericolo di frane; un altro indica il divieto di transito fuori dei tracciati stradali. Alla sinistra c'è una staccionata di legno. Alla destra vediamo una madonnina dentro una nicchia nella roccia (m. 710).
Di tanto in tanto troviamo un bollo giallo.
Ignoriamo un sentiero che retrocede verso destra e, poco dopo, una stradina con il fondo in cemento che scende a sinistra (m. 720).
Pochi passi più avanti lasciamo a destra un sentiero segnalato da un cartello della "24 h Prealba Up and Down". Passiamo sotto a tre cavi e proseguiamo con delle serpentine appena accennate.

Continuiamo quasi in piano e, presso una curva verso destra, ignoriamo un sentiero che esce alla sinistra ed una sterrata che si stacca alla destra (m. 725).
Troviamo un cancelletto alla sinistra e uno slargo alla destra. Un segnale stradale avverte del possibile pericolo di frane. Un cartello informa che la raccolta dei funghi è consentita a tutti i non residenti purché muniti dell'apposito permesso rilasciato dal Comune di Bione.
Subito percorriamo una curva verso sinistra. Alla sinistra ci sono dei paletti di ferro che reggono una rete a quadrotti.
Presso una curva verso destra riprendiamo a salire e passiamo sotto a tre cavi mentre alla sinistra c'è uno dei piloni che li sorreggono.

Attraversiamo un gruppetto di case. Alla sinistra troviamo un affresco raffigurante una Madonna che allatta Gesù Bambino (m. 740).
Continuiamo con poca pendenza. Alla destra vediamo una freccia gialla dipinta su di un muro di pietra.
Passiamo sotto tre cavi.
Un guard-rail inizia all'interno di una semicurva verso sinistra (m. 770).
Riprendiamo a salire. Alla destra ci sono delle roccette.

All'esterno di un tornante destrorso troviamo un piccolo monumento in memoria di due alpini. Un segnale stradale, rivolto verso coloro che percorrono la strada in senso contrario, segnala il pericolo di frane (m. 790).
Terminate le rocce continuiamo nel bosco.
Percorriamo un tornante sinistrorso (m. 795).

Quasi in piano, con il fondo di pietre cementate, superiamo una curva verso destra. In un prato alla sinistra troviamo una cappelletta contenente un affresco raffigurante la Crocifissione. Ignoriamo un sentiero che si stacca alla destra (m. 805).

Passiamo sotto a tre cavi, la strada torna sterrata e raggiungiamo un bivio. Di fronte arriva il percorso da Casto descritto nel secondo itinerario. I segnavia indicano, diritto: Piani di Lò, Rifugio Paradiso, Casto; a sinistra: San Bernardo, Rifugio Fanti, Bione. Prendiamo la sterrata alla sinistra, quasi in piano.
Sul lato destro della strada c'è un cartellone che parla dei Piani di Lò e del grande roccolo Bonomini.
Proseguiamo in leggera discesa. Alla sinistra ci sono gli alberi. Alla destra, oltre una staccionata e una fila di giovani noci, c'è un grande prato in fondo al quale vediamo il Rifugio degli Alpini Teresio Olivelli.
Un rivolo attraversa su di un letto in cemento (m. 800).
Continuiamo quasi in piano.

Presso un tornante sinistrorso lasciamo a destra una casa.
Proseguiamo con poca pendenza. Alla sinistra ci sono gli alberi, alla destra c'è una rete di recinzione.
Presso una semicurva verso destra superiamo un canalino di ferro per lo scolo dell'acqua. Il fondo diventa in cemento.

Poco dopo arriviamo ad un bivio (m. 815). I segnavia indicano, diritto: Eremo San Bernardo, Bione; a sinistra: Rifugio Fanti, Bione; dietro: Piani di Lò, Rifugio Paradiso, Casto. C'è anche una strada non segnalata alla destra. Continuiamo diritto in leggera salita tra l'erba. La strada ritorna sterrata.
Poco dopo, con il fondo nuovamente in cemento, riprendiamo a salire ed entriamo in un bosco.
Percorriamo un tornante destrorso (m. 830).

Troviamo uno slargo sterrato alla sinistra. Lasciamo la strada che continua sterrata, quasi in piano, e termina poco più avanti presso una casa. Prendiamo un sentiero poco visibile e non segnalato che si stacca dallo slargo verso sinistra (m. 835).
Con poca pendenza camminiamo in un rado bosco.
Dopo una curva verso sinistra il bosco diventa più fitto (m. 845).
Troviamo un segnavia rosso e verde (m. 855).

In modo abbastanza ripido risaliamo delle pietre che formano un paio di rudimentali gradini.
Superiamo due semicurve verso destra, la prima con poca pendenza e l'altra in salita (m. 865).
Percorriamo un breve tratto quasi in piano e continuiamo in leggera salita. Vediamo un segnavia rosso e verde su di una pietra nel sentiero.

Raggiungiamo una piccola radura con una baita alla destra e continuiamo diritto, quasi in piano (m. 870).
Lasciamo a sinistra una casa con la scritta: "La Cluna", troviamo una biforcazione e andiamo a sinistra immettendoci su di una sterrata.

Poco dopo troviamo una casa alla sinistra e raggiungiamo una biforcazione dove i segnavia indicano a destra l'Eremo di San Vigilio. Continuiamo diritto e rientriamo nel bosco.
Percorriamo una curva verso sinistra.
Proseguiamo in leggera salita.

Troviamo un pannello con delle foto e un cartello intitolato: "Il carbonaio e il poiàt" sul quale leggiamo tra l'altro: "A Bione c'erano famiglie di carbonari. A primavera abbandonavano i paesi per trasferirsi nei boschi per la produzione del carbone vegetale. Abitavano in baite o capanni ecc ...". Uno di questi baitelli è stato ricostruito lì dietro, attrezzato con vari utensili e con tanto di carbonaio di pezza. Un secondo cartello mostra i fiori della zona: dente di cane, agrifoglio, menta, genziana, rododendro e anemone. C'è anche un altro cartello intitolato: "La faggeta delle località Cucì e Cuchèt e il Santuario di S. Bernardo". Un segnavia indica diritto: San Bernardo (m. 885).
Quasi in piano, passiamo alla sinistra di un alto traliccio che regge dei cavi dell'alta tensione.
In leggera salita percorriamo un tratto con il fondo in cemento e vediamo una freccia verde e rossa (m. 895).
Torniamo a camminare su sterrato. Gli alberi sono più radi.
Continuiamo con pochissima pendenza.

Superata una curva verso sinistra raggiungiamo la chiesa di San Bernardo, preceduta dal monumento agli alpini e da un tavolone di legno con relative panche.
Con uno dei due viottoli che costeggiano la chiesa, accanto alla quale vediamo diversi cippi che riportano il nome di soldati bionesi caduti in guerra, ci portiamo sul retro dove troviamo la torre campanaria e il piccolo bivacco (m. 905).

Tempo impiegato: ore 1.20 - Dislivello: m. 310 -5
Data escursione: marzo 2020
 
Secondo itinerario: da Casto
Usciamo dall'autostrada A4 a Ospitaletto (km. 206) e prendiamo la SP 19 che percorriamo interamente. Ci immettiamo poi nella SP 345 della Val Trompia e andiamo a sinistra. Superate Gardone e Marcheno, arriviamo a Brozzo. Qua, al km. 29.2, deviamo a destra (cartello: Casto a km. 15) per imboccare la provinciale III con la quale superiamo Lodrino e proseguiamo verso Casto.
Lasciamo a sinistra la strada per Comero (fraz. di Casto) e superiamo la località Dos del Grom e la frazione di Briale.
Prima di arrivare a Casto giriamo a destra (cartello Alone a km. 4, Rif. Paradiso).
Subito dopo aver superato il ponte sul Torrente Nozza ci troviamo davanti la Corna Zana, una parete di roccia attrezzata. Lasciamo la macchina in un ampio spazio sterrato (m. 460).

La zona è famosa principalmente per:

  • le sue ferrate disposte ad anello con tratti indipendenti per complessivi 500 metri di dislivello (al termine di ogni tratto si esce su un sentiero)
  • le vie di arrampicata
  • i "ponti tibetani" e le teleferiche "zip-line"
  • la "Stretta di Luina", canyon lungo 300 metri, largo da uno a due metri e profondo circa 30 metri attraversabile con un percorso attrezzato
  • le "Gola del Pisot" percorribile a piedi tramite ponticelli, passerelle e un passaggio sotto la cascata
  • il "Parco delle Fucine", un complesso industriale del quale rimangono i ruderi (formato da sei fucine, un forno fusorio, una calchera e un mulino) attivo fino al 1930 che produceva utensili in ferro utilizzando l'acqua del torrente come forza motrice
  • alcuni sentieri che consentono di effettuare giri ad anello

Ci incamminiamo verso sinistra passando accanto all'insegna del Parco delle Fucine collocata sotto ad un tettuccio, a due cartelli che mostrano cartine della zona, ad un leone di legno ai cui piedi c'è una fontana con l'acqua che cade in un tronco scavato e ad una riproduzione in legno dell'auto dei Flintstones.
Lasciamo a sinistra un baitello di legno e alla destra la Baita del Parco (info e attrezzature a noleggio) e il Ristoro "Càa dele Strèe".
Alla sinistra troviamo una scultura raffigurante un orso.

Poco dopo arriviamo ad un trivio. A sinistra si scende verso un laghetto sopra al quale scorrono delle zip-lines; a destra vengono segnalati il percorso attrezzato n. 18 e il sentiero delle dispense. Prendiamo il sentiero in mezzo, contrassegnato da bolli blu e segnalato da un cartello che indica il Rifugio Paradiso a 800 metri.
Saliamo sei gradini.

Poco dopo, alla destra inizia la ferrata n. 2 segnalata da un cartello marrone. Un altro cartello indica diritto le ferrate 3 e 4. Continuiamo quasi in piano con un sentiero tra gli alberi. In basso alla sinistra vediamo il Torrente Pizzotto.
Superiamo una semicurva verso destra con vista su di una cascatella. Una roccetta affiora nel mezzo del sentiero.
Subito percorriamo una semicurva verso sinistra protetti da una staccionata.

Alla destra troviamo un tavolo e l'attacco delle ferrate 3 e 4. In alto vediamo una madonnina.
Su di un ponticello in cemento e con le sponde di legno attraversiamo il torrente verso sinistra (m. 470).
Subito dopo saliamo nove gradini, agevolati dalla presenza di un corrimano alla sinistra.
Alla destra c'è una scultura di legno posizionata sopra una roccia.
Continuiamo in leggera salita con il torrente alla destra.

Quasi in piano raggiungiamo uno slargo dove troviamo un tavolo con due panche in legno. C'è anche una bacheca con tettuccio alla quale è stato affisso un cartellone intitolato "Fauna minore" che mostra le foto dei seguenti animali: natrice del collare, colubro, vipera, ramarro, rospi, salamandra, rana, lumaca, lucertola e gambero.
Tramite un ponticello in cemento con le sponde di legno passiamo alla destra del torrente.

Saliamo quindici gradini di legno infilandoci nella gola. Alla sinistra ci sono delle protezioni che fungono anche da corrimano.
Continuiamo quasi in piano a lato del torrente (m. 480).
Poco dopo lo attraversiamo per due volte (la prima verso sinistra e la seconda verso destra) con altrettanti ponticelli.

Raggiungiamo un crocefisso collocato sopra ad un masso e lo aggiriamo alla destra (m. 485).
Con uno zig-zag destra-sinistra saliamo 3+3 gradini in cemento e, tramite un altro ponticello, passiamo alla sinistra del torrente dove troviamo una scultura in legno raffigurante un uomo privo delle braccia.
Con il successivo ponticello torniamo alla destra del torrente.
Lasciamo a sinistra una cascatella.
Ora camminiamo, quasi in piano, sopra al torrente, su una lunga passerella in cemento e con le sponde di legno. Un cartello marrone preannuncia l'arrivo alla Cascata Pisot (m. 495).

Raggiungiamo la cascata che scende davanti a noi. Le passiamo accanto, alla destra, e mentre veniamo raggiunti da alcuni spruzzi ci infiliamo in una grotta/tunnel.
Camminando alla destra del corso d'acqua, usciamo dall'altra parte.
Continuiamo in leggera salita su di un'altra passerella simile alla precedente e superiamo due semicurve sinistra-destra.
Il camminamento sospeso poi si sposta verso il bordo sinistro della gola. Sull'altro lato vediamo una grotta con una statua raffigurante una madonnina (m. 505).

Terminata la passerella, proseguiamo con un sentiero a lato del torrente.
Troviamo una bacheca con tettuccio alla quale è stato affisso un cartellone intitolato "Piccoli mammiferi" che mostra le foto dei seguenti animali: riccio, scoiattolo, moscardino e ghiro.
Per un tratto alla sinistra ci accompagna un cavo corrimano.

Usciti dalla gola, saliamo verso sinistra alcuni gradini di pietra.
Ignoriamo un sentiero che si dirige a sinistra verso un rudere.
Attraversiamo una passerella realizzata con tronchetti di legno (m. 515).
Proseguiamo su di una sterrata coperta da ghiaietto.

Ad un bivio i segnavia indicano a sinistra: Piani di Lò, Rifugio Fanti Bione; diritto: Rifugio Paradiso Casto. Prendiamo il sentiero alla sinistra (m. 520).
Dopo pochi passi in salita continuiamo quasi in piano entrando nel bosco.
Giriamo a sinistra e attraversiamo un ruscello camminando sopra una passerella di legno.
Proseguiamo in salita con un largo sentiero.
Percorriamo una curva verso destra.
Dopo un breve tratto con poca pendenza continuiamo in salita.

Arriviamo ad un bivio dove trascuriamo il sentiero che prosegue diritto e continuiamo verso sinistra (m. 535). I segnavia indicano, a sinistra: Piani di Lò, Rifugio Fanti, Bione; dietro: Rifugio Paradiso, Casto.
La pendenza aumenta (m. 545).
Percorriamo un tratto quasi in piano protetti a valle (sinistra) da una recinzione con pali di ferro che reggono tre cavi.

Presso un tornante destrorso trascuriamo un sentiero che continua diritto in discesa (m. 560). I segnavia indicano, verso destra: Piani di Lò, Rifugio Fanti, Bione; dietro: Rifugio Paradiso, Casto.
Dopo un tratto in salita, percorriamo un tratto quasi in piano e uno con poca pendenza (m. 575).
Continuiamo quasi in piano seppur con lievi saliscendi (m. 580).
Superiamo un tratto in discesa e riprendiamo a salire (m. 575).

Proseguiamo quasi in piano. In basso a destra scorre un ruscello (m. 590).
Dopo pochi passi in discesa, quasi in piano percorriamo un ampio tornante sinistrorso allontanandoci dal ruscello.
Continuiamo in salita.

Percorriamo un lungo tratto con poca pendenza.
Presso una semicurva verso destra, un cartello indica le due direzioni: Rifugio Paradiso Casto e Rifugio Fanti di Bione (m. 625).
Poco dopo superiamo un tornante destrorso. Anche qui i segnavia segnalano i due rifugi.
Continuiamo con un tornante sinistrorso. Ora il sentiero è meno largo (m. 630).

Dopo un lungo tratto, percorriamo una semicurva verso sinistra (m. 660).
Stiamo camminando su di un crinale molto largo.
Continuiamo quasi in piano. Alla sinistra riusciamo a scorgere tra gli alberi dei ruderi in un prato. In lontananza vediamo il paese alla sinistra e delle cime dall'altro lato.
Un'apertura tra gli alberi alla sinistra conduce in un prato. Continuiamo diritto con poca pendenza.
Superiamo due curve sinistra-destra (m. 670).

Alla sinistra troviamo un roccolo recintato al cui interno vediamo un appostamento per la caccia (m. 675).
Proseguiamo in lievissima salita.
Presso una curva verso sinistra i segnavia indicano, come al solito, le due direzioni. Continuiamo in leggera discesa.
Lasciamo a sinistra una piccola costruzione in cemento.

Percorriamo un tratto in discesa. Il sentiero, coperto dalle foglie, è poco visibile.
Ci immettiamo su di una stradina sterrata. Anche qui i segnavia indicano le due possibili direzioni (m. 670).
Quasi in piano superiamo una semicurva verso sinistra e proseguiamo in discesa.
Subito dopo percorriamo un tornante sinistrorso.

Andiamo ad immetterci su di un'altra sterrata (m. 665). Verso sinistra non ci sono indicazioni (stando alla cartina, andando a sinistra si arriva ad un successivo bivio dove verso sinistra si va a Pile a verso destra a Pilette). I segnavia invece indicano a destra i Piani di Lò e dietro il Rifugio Paradiso. Proseguiamo verso destra in leggera salita.
Vediamo un bollo bianco-rosso su di un albero (m. 675).
Il bosco termina.
Superiamo due semicurve destra-sinistra e continuiamo quasi in piano (m. 685).

Arriviamo a un quadrivio (m. 695). I segnavia indicano solamente: a destra i Piani di Lò e dietro il Rifugio Paradiso. La sterrata di fronte conduce verso una casa privata che da lontano parrebbe una chiesa. Quella alla sinistra, stando alla cartina, si dirige verso Falghetto. C'è anche un cartello che segnala il divieto di pascolo. Andiamo a destra in leggera salita.
Cominciamo a trovare delle canaline di ferro, per lo scolo dell'acqua, di traverso alla strada.

Ignoriamo una stradina che si stacca alla destra (m. 705).
Dopo due semicurve destra-sinistra trascuriamo una sterrata che esce alla destra in leggera discesa (m. 710). I segnavia indicano davanti i Piani di Lò e dietro il Rifugio Paradiso.
Continuiamo in salita.
Ignoriamo una sterrata che si stacca alla sinistra (m. 725).
Presso un'ampia semicurva verso sinistra trascuriamo un sentiero che esce alla destra.

Guadiamo un affluente del Torrente Val Sorda che attraversa la strada (m. 735).
Continuiamo con poca pendenza.
Presso un tornante sinistrorso un cartello indica dietro: Falghet (m. 760).
Proseguiamo tra i faggi.
Superiamo due semicurve verso destra.

Da dietro-sinistra arriva un'altra sterrata (m. 765).
Percorriamo un'ampia semicurva verso sinistra (m. 770) seguita da altre semicurve dx-sx-dx con la sterrata incassata nel terreno circostante.
Quasi in piano, presso un tornante sinistrorso, attraversiamo il letto in cemento di un altro affluente che troviamo asciutto.
In leggera salita superiamo una semicurva verso destra (m. 790).
Continuiamo quasi in piano e ignoriamo un sentiero che sale a destra.

Percorriamo un tornante sinistrorso (m. 795).
Proseguiamo in salita. La strada è coperta da due strisce di cemento.
Superiamo un'ampia curva verso destra.
Continuiamo in leggera salita con il fondo interamente in cemento.

Proseguiamo quasi in piano, su sterrato (m. 805).
Subito percorriamo due tornanti molto ampi, sinistra-destra.
Proseguiamo in leggera salita con la sterrata incassata nel terreno circostante.
Dopo un tratto quasi in piano continuiamo con poca pendenza. La sterrata si divide e si ricompone (m. 815).

Arriviamo ad un incrocio con cinque vie (m. 825). I segnavia indicano dietro il Rifugio Paradiso e a destra i Piani di Lò. Giriamo a destra e proseguiamo in discesa, con il fondo in cemento, passando accanto ad un un cartellone intitolato: "Bione - La pecceta di Val dela Casina".
Superiamo delle serpentine appena accennate.
Un segnale stradale, rivolto verso coloro che procedono in senso contrario, vieta il transito ai veicoli e segnala che la strada è agro-silvo-pastorale.
Continuiamo con il fondo sterrato.

Ci immettiamo su di un'altra sterrata che in questo punto effettua una curva verso sinistra. Oltre la strada c'è una staccionata che la separa dal grande prato dei Piani di Lò. I segnavia indicano, a sinistra: San Bernardo, Rifugio Fanti di Bione; dietro: Rifugio Paradiso, Casto; a destra: Eremo San Vigilio. Continuiamo verso sinistra in leggera discesa. (m. 815).
Alla destra, oltre la staccionata, ci sono due altalene e uno scivolo; in lontananza vediamo una pozza.

Arriviamo ad un bivio. Di fronte arriva la strada descritta nel primo itinerario (m. 805). I segnavia indicano, a destra: San Bernardo, Rifugio Fanti, Bione; dietro: Rifugio Paradiso, Casto. Andiamo a destra e continuiamo come descritto nella seconda parte del primo itinerario.

Tempo impiegato: ore 2.10 - Dislivello m. 485 -40
Data escursione: ottobre 2020

ESCURSIONI PARTENDO DAL BIVACCO:







Bivacco Decimo Martinelli presso il Santuario di San Bernardo

Altezza:
m. 905
Gruppo:
Valli Bresciane
Ubicazione:
Santuario di
San Bernardo
Comune:
Bione - BS
Carta Kompass:
106 I3
(non visibile)
Coordinate Geo:
45°40'02.50"N
10°19'44.70"E
Gestore:
-
Telefono:
-
Posti letto:
no
Apertura:
 
Pagina aggiornata
il: 15/12/2020
Il Bivacco Decimo Martinelli presso il Santuario di San Bernardo Interno del bivacco - il camino Interno del bivacco - il tavolo 1° itinerario: Il municipio di Bione La Chiesa di Santa Maria Assunta la cappella di San Bernardo Affresco raffigurante San Bernardo Affresco raffigurante la Madonna che allatta Gesù Bambino Cappelletta contenente un affresco ... raffigurante la Crocifissione I Piani di Lò Un baitello dei carbonai ricostruito 2° itinerario - La Baita del Parco delle Fucine a Casto Laghetto Ponticello Crocefisso Ponticello Scultura Ponticello La Cascata Pisot La Cascata Pisot dall’intermo del tunnel Passerella dopo la cascata Prima di arrivare al Rifugio Paradiso prendiamo il sentiero alla sinistra Roccolo Lungo la sterrata verso i Piani di Lò La Chiesa di San Bernardo Il monumero ai Caduti La piccola torre campanaria accanto al bivacco

clicca qui per stampare questa pagina (solo testo)

Rifugio Martina torna su Rifugio M'Eating Point

 Valid HTML 4.01! Copyright  Valid CSS!

Pagina vista da 573 visitatori