Rifugio Quinto Alpini - Bertarelli

Il Rifugio Quinto Alpini è situato su di un costone roccioso ai piedi del Monte Zebrù.
Accanto c'è il Rifugio Bertarelli che viene utilizzato principalmente come locale invernale.

Primo itinerario: da Niblogo lungo la Val Zebrù
Questa lunga camminata ci porta nel cuore del Parco Nazionale dello Stelvio.
Nella prima parte della nostra escursione seguiremo la sterrata di fondovalle, camminando accanto al torrente e superando via via diverse baite.
A sinistra avremo la catena formata del Monte Cristallo (m. 3431) e delle Cime di Campo (m. 3480); a destra il Monte Forcellino (m. 2842) e alle nostre spalle la Cima Piazzi (m. 3439). Più avanti inizieremo a vedere di fronte a noi la splendida piramide del Gran Zebrù (m. 3851).
Dopo la Baita del Pastore la valle si divide; lasceremo a destra il sentiero che sale al Passo Zebrù (m. 3005) e piegando a sinistra inizieremo a salire ripidamente lungo la vallata del Rin Marè verso il rifugio e le cime che lo circondano (Thurwieser m. 3652, Zebrù m. 3735, Gran Zebrù m. 3851).

Per raggiungere l'imbocco della Val Zebrù, a Bormio, prendiamo la statale 300 che sale al Passo del Gavia. Superiamo la frazione di Uzza e arriviamo a S. Nicolò dove continuiamo con la strada che, a sinistra, sale con vari tornanti panoramici fino a Niblogo.
Alla fine dell'abitato, dove termina l'asfalto, troviamo sulla destra un parcheggio e la baita del Centro Informazioni Turistiche (m. 1600).
Da questo punto il traffico è consentito solo agli automezzi autorizzati.
A disposizione di chi non volesse camminare c'è un servizio navetta che, al costo di dieci euro a persona, percorre tutto il fondovalle fino alla Baita del Pastore (m. 2166). Le navette partono solo se hanno a bordo almeno cinque persone e pertanto i tempi di attesa potrebbero essere lunghi.

Ci incamminiamo in piano sulla sterrata. Sulla destra c'è una lunga staccionata in legno che protegge dal ripido fondovalle dove scorre il Torrente Zebrù.
Più avanti, ignorata una stradina sulla destra che scende al torrente e guadato un ruscello, arriviamo al Ponte Tre Croci (m. 1619).
Sulla sinistra c'è un'area pic-nic e appunto le tre croci in legno che danno il nome a questa zona.
I segnavia indicano sulla destra, superando il ponte: il giro del Forcellino, Predaccio, Cavallaro, Confinale e S. Gottardo; mentre continuando con la sterrata: Val Zebrù, V° Alpini, Passi Zebrù.
Inoltre viene segnalato il ristoro Zebrù a 250 metri.

Continuando con la sterrata, troviamo ben presto un ponticello di legno con il quale passiamo alla destra del torrente.
Su un masso vediamo per la prima volta un segnavia a bandierina con il numero 29 che identifica il nostro percorso.
Circondati dai pini iniziamo a salire e raggiungiamo il ristoro Zebrù in località I Plaz (m. 1660). Nei pressi ci sono alcune panchine.

Dopo un tornante, dove c'è una vecchia costruzione e una mangiatoria per i cervi del parco, la salita diviene un poco più ripida.
Un sentiero tra gli alberi consente di tagliare alcuni tornanti e abbreviare il cammino.
Questo tratto termina quando troviamo sulla destra un'altra deviazione per Predaccio e S. Gottardo.
Continuiamo in piano e raggiungiamo una fontanella.
Proseguiamo poi in lieve salita. Il torrente alla nostra sinistra è ben incanalato artificialmente e fa alcuni piccoli salti.
Con un ponte di legno (m. 1735) passiamo alla sinistra del torrente e, salendo con alcuni tornanti, superiamo l'area pic-nic Zebrù di Fuori (m. 1790).
Più avanti, a sinistra si stacca il sentiero n. 23 per Ables, Ardof e Solaz.
Tra pascoli, abeti e larici, arriviamo alle baite di Zebrù di Fuori (m. 1825).

Presso un'ansa della montagna superiamo un corso d'acqua che scende da sinistra e, ben sistemato dall'intervento dell'uomo, passa sopra la strada e va a gettarsi sulla destra nel Torrente Zebrù.
Da qui al Rifugio Campo ne troveremo altri sette (non starò a elencarli tutti); durante l'estate probabilmente li troveremo in secca a meno di passare di qua mentre sta piovendo o ha smesso da poco.

Ignorato un sentiero che scende a destra continuiamo in leggera salita.
In basso a destra c'è una baita, più avanti ancora delle altre, sulla sinistra c'è una croce: siamo il località Zebrù dal Giardin (m. 1866).
Superate le baite e l'area pic-nic di Zebrù di Dentro (m. 1872) continuiamo in lieve discesa fino ad arrivare in piano a Zebrù da Bignù (m. 1869) dove troviamo una baita e una croce.
Le successive baite che raggiungiamo sono quelle di Chitomas (m. 1881), poi con lievi saliscendi arriviamo all'area pic-nic di Pecè (m. 1900).
Con un altro ponticello di legno riattraversiamo il torrente e ignoriamo il sentiero che sale alle Baite Pecè.

Continuiamo in leggera salita e poi in piano. Superato ancora il torrente con un altro ponte raggiungiamo le Baite di Premighem (m. 1923).
In lieve salita circondati da pini mughi arriviamo ad un altro ponte, superato il quale entriamo in una zona prativa ove ci sono alcune baite e un posto di ristoro. Siamo in località Campo di Fuori (m. 1947).
Continuiamo per prati in lieve salita.
A destra si stacca un ripido sentiero per il Passo del Forcellino, Val Saline e Cavallaro. Un altro segnavia indica di fronte a noi il Rifugio V° Alpini.
Ancora pochi passi e raggiungiamo Campo di Mezzo e il Rifugio Campo (m. 2000) costruito seguendo lo stile delle baite della valle.

Continuiamo quasi in piano. Superata una croce, passiamo tra una baita diroccata e un baitello.
Il solito cartello del parco informa che siamo in località Campo di Dentro (m. 2009).
Un segnavia indica sulla destra un altro sentiero per il Forcellino.
Passiamo su un ponticello; nei pressi ci sono alcune panchine.
Più avanti raggiungiamo un altro ponte in legno con il quale torniamo alla sinistra del torrente.
La strada gira a sinistra e torna leggermente a salire. In questo tratto il Monte Cristallo si erge maestoso di fronte a noi.
Prima e dopo il successivo tornante verso destra, un ruscello scorre sotto la stradina. A sinistra ci sono alcune panche.
Guadiamo un piccolo corso d'acqua che attraversa la sterrata e poi percorriamo un tratto con maggiore pendenza.
Superato un ponticello in legno senza le sponde, arriviamo alla Baita del Pastore (m. 2166). Da questo punto il transito è interdetto a tutti.

Un segnavia indica il Rifugio Quinto Alpini davanti a noi.
La stradina ora sale decisamente con vari tornanti e lo sguardo può finalmente spaziare su tutta la parte alta della vallata.
Sul lato destro vediamo una cascata e un sentiero che sale al Passo dello Zebrù.
Superiamo un cartello che indica il Rifugio V° Alpini a ore 1.45 (m. 2280).
Ancora qualche ripida curva e raggiungiamo diversi massi franati sopra il percorso (m. 2320).
Inizialmente procediamo con un sentierino tra l'erba sulla destra poi, superato un altro cartello che indica il rifugio e una rudimentale panca, passiamo sopra gli sfasciumi. Più in alto a sinistra è ben visibile un masso che riporta la data, 18 settembre 2004, in cui le pietre franarono.

Superato questo tratto e un ponticello di legno, riprendiamo la stradina e alterniamo alcuni tratti più o meno ripidi cominciando a vedere lassù in alto le minuscole sagome dei Rifugi Quinto Alpini e Bertarelli.
In leggera salita percorriamo poi un'ampia curva a sinistra in posizione sopraelevata tra la vallata del Rin Marè alla nostra sinistra ed un piccolo valloncello a destra (m. 2520).
Più avanti iniziamo a salire decisamente (m. 2650). Di tanto in tanto vediamo delle frecce rosse dipinte sulle pietre.
Saliamo in una pietrosa valletta tra lo sperone roccioso dove sorge il rifugio e il costone della Cima della Miniera dal quale arriva con percorso quasi pianeggiante il sentiero che proviene dal Rifugio Pizzini Frattola passando per il Passo dello Zebrù (descritto nel secondo itinerario).

I due sentieri si uniscono davanti ad un grosso masso (m. 2750). Qui ci sono i segnavia che indicano le tre direzioni: Quinto Alpini diritto, Passo Zebrù a destra e Baita del Pastore alle nostre spalle.
Dopo un paio di tornanti cominciamo a vedere la bandiera del rifugio (m. 2810).
Percorriamo altri due tornanti ed un'ampia curva a sinistra guadando un torrente (m. 2865).
Poi con minore pendenza e alcuni zig-zag arriviamo al rifugio.

Tempo impiegato: ore 4.15 - Dislivello: m. 1277
Data escursione: luglio 2007
 
Secondo itinerario: traversata dal Rifugio Pizzini
Da Bormio con la provinciale 29 raggiungiamo S. Caterina Valfurva. All'inizio del paese prendiamo a sinistra Via Frodolfo. Giunti in centro continuiamo diritto con Via Forni, una strada asfaltata con la quale saliamo fino all'albergo-Rifugio dei Forni (m. 2176). La strada, dall'estate 2015, è soggetta al pagamento di un pedaggio di € 3 valevole per 24 ore dal momento dell'emissione. La macchinetta che rilascia il ticket da esporre sul cruscotto è situata alla destra, all'uscita dal paese.

Al Rifugio Forni, prendiamo la navetta che, al costo di nove euro a persona, ci porta fino al Rifugio Pizzini (m. 2706) risparmiandoci un'ora e mezza di cammino. (Nella pagina del Rifugio Pizzini puoi trovare la descrizione dei due percorsi per salire a piedi.)
Poco prima del ponte che precede il Rifugio Pizzini prende avvio sulla sinistra il sentiero n. 30 (nuova numerazione 529). I segnavia indicano davanti: Rifugio Casati a ore 1.50; dietro a sinistra con il sentiero panoramico: La Caserma (rovine) a ore 0.40, Rifugio Forni a ore 1.30; dietro con la sterrata: Rifugio Forni a ore 1.20; a sinistra: Passi Zebrù a ore 0.50, Baita del Pastore a ore 2.30, Niblogo a ore 4.20, Rifugio V° Alpini a ore 2.30. Il tempo indicato per il Rifugio V° Alpini è scarso, meglio prevedere una mezz'ora in più.

Prendiamo il sentiero a sinistra che parte in salita e subito dopo continua con poca pendenza. In basso a destra vediamo scorrere il Torrente Cedec che ci separa dal Rifugio Pizzini.
Camminiamo tra erba e poche pietre. Alcune lastre di pietra infisse verticalmente nel terreno recano dei segnavia ormai sbiaditi.
Poi giriamo a sinistra e torniamo a salire seppur con pendenza poco accentuata. Alla destra vediamo il Gran Zebrù e dietro il Cevedale.
Troviamo un primo segnavia ben visibile: una bandierina a strisce orizzontali di colore rosso-bianco-rosso con il n. 30.
Dopo un breve tratto in piano riprendiamo a salire (m. 2770).
Passiamo tra due dossi (m. 2830).
Quasi in piano attraversiamo un pianoro camminando in prevalenza tra pietre. Seguiamo sempre i bolli e alcune pietre infisse nel terreno che fanno da ometto.
Riprendiamo a salire e ben presto in modo abbastanza ripido con alcuni zig-zag.
Più avanti la pendenza aumenta e il sentiero si divide in due tracce parallele che a volte si intersecano. La traccia alla destra è più agevole (m. 2870).
Giunti in cima, davanti vediamo una conca (m. 2900).
Pieghiamo a destra per aggirare un dosso, saliamo con minore pendenza e ci ritroviamo su di un contrafforte tra due vallette.
Poi pieghiamo a sinistra verso il passo (m. 2940).
Saliamo in modo abbastanza ripido e incrociamo il solco di due rivoli che troviamo privi di acqua (m. 2965).
Poi la pendenza diminuisce. Vediamo delle matasse di filo spinato arrugginito (m. 2985).

Raggiungiamo il Passo Zebrù dove è obbligo fermarsi un attimo per ammirare il panorama su entrambe le vallate. Il Gran Zebrù alla destra sembra meno imponente, coperto com'è dalle più piccole ma vicine Pale Rosse.
Salendo verso destra bastano pochi minuti per arrivare allo spuntone roccioso a cui era addossato il Bivacco Passi dello Zebrù andato completamente distrutto (m. 3038).
Al passo troviamo alcuni ometti e dei cartelli segnavia che indicano: Passi Zebrù m. 3005; dietro con il sentiero 529: Rifugio Pizzini a ore 0.40, Rifugio Forni a ore 1.50, S. Caterina a ore 3.30; davanti con i sentieri 529 e 529.1: Rifugio V° Alpini a ore 2.20, Baita del Pastore a ore 2, Niblogo a ore 4.20.

Iniziamo a scendere in Val Zebrù, ripidamente con alcuni zig-zag, camminando su sabbia e pietruzze.
Il sentiero si divide e subito torna ad unirsi. Vediamo dei bolli e un paletto con la sommità dipinta di bianco e di rosso.
Dopo pochi passi quasi in piano (m. 2985) riprendiamo a scendere ripidamente a zig-zag.
Quasi in piano superiamo un piccolo nevaio, peraltro aggirabile verso sinistra (m. 2975) e riprendiamo a scendere sempre con delle serpentine.
Su un masso vediamo il segnavia n. 30.
Dopo pochi passi in discesa seguiti da altrettanti in salita passiamo accanto ad un altro paletto con i bolli (m. 2960). Ci troviamo ora su di un contrafforte tra due avvallamenti.
Continuiamo a scendere in modo abbastanza ripido. Dopo una curva a destra, la pendenza aumenta ancora.
In seguito la pendenza diminuisce (m. 2915), indi percorriamo un tratto quasi in piano (m. 2905).
Con pochi passi in leggera salita raggiungiamo un altro paletto con i bolli.
Proseguiamo alternando alcuni tratti in discesa ad altri quasi in piano. Il sentiero è un po' scivoloso.

Alla sinistra possiamo ammirare la cresta con le varie Cime dei Forni, la penultima delle quali si distingue dalle altre in quanto è di colore rossiccio anziché grigio.
Percorriamo una curva a sinistra e vediamo dei bolli sui massi (m. 2880).
Torniamo a scendere, inizialmente in modo abbastanza ripido, camminando su di una costola tra la vallata alla sinistra e un piccolo avvallamento alla destra.
Con pochi passi in discesa seguiti da altrettanti in salita superiamo il letto di un torrente che troviamo in secca (m. 2840).
Proseguiamo tra le pietre dapprima quasi in piano e poi in leggera discesa.
Torniamo a scendere a zig-zag tra alcune rocce (m. 2830).
Con percorso un po' esposto aggiriamo una roccia sulla sinistra.

Accompagnati da una catena fissata alla roccia alla sinistra, scendiamo ripidamente agevolati da alcuni gradini.
Terminata la roccia percorriamo un tratto senza catena.
Ci accostiamo poi ad una roccia sulla destra dove c'è un'altra catena (m. 2805).
Il successivo tratto ne è privo. Ne troviamo poi un ultimo spezzone lungo un paio di metri (m. 2795).
Terminate le catene continuiamo a scendere a zig-zag e arrivati in basso giriamo a destra (m. 2785).

Proseguiamo a mezza costa dapprima in discesa e poi con minore pendenza. Davanti, sul fondo valle, vediamo la Baita del Pastore.
Riprendiamo a scendere in modo abbastanza ripido con alcuni zig-zag, poi la pendenza diminuisce un poco.
Superiamo due tornanti ravvicinati sinistra-destra (m. 2730).
Nuovamente in discesa percorriamo un tratto tra l'erba seguito da un altro quasi in piano tra pietre di colore rossiccio attraversando un canalino, che pare il letto di un torrente in secca, che scende dalla destra (m. 2705).
Alterniamo alcuni tratti in discesa ad altri quasi in piano assecondando le anse della montagna (m. 2690).
In alto a destra appare la cima del Gran Zebrù. Proseguiamo con alcuni saliscendi.
Presso una curva a destra troviamo un altro paletto con i bolli (m. 2675).
Camminiamo in leggera discesa passando tra un dosso di pietre alla sinistra e un contrafforte alla destra, poi scendiamo a zig-zag tra le pietre (m. 2655).
Proseguiamo in leggera salita e poi quasi in piano ma con alcuni saliscendi.

Raggiungiamo un torrente, che vediamo scendere dalla destra con due cascate parallele, e lo superiamo con una passerella formata da quattro assi (m. 2660).
Riprendiamo a salire e, arrivati ad un paletto con i bolli, giriamo a destra (m. 2680). Proseguiamo in leggera discesa.
Percorriamo poi un'ampia curva a sinistra e torniamo a salire.

Raggiungiamo un bivio (m. 2675). I segnavia indicano davanti con il sentiero 529.1: Rifugio V° Alpini a ore 1.30; dietro con il sentiero 529: Passi di Zebrù a ore 1.10, Rifugio Pizzini a ore 1.50, Rifugio Forni a ore 3.20; a sinistra con il sentiero 529: Baita del Pastore a ore 1.10, Baite di Campo a ore 1.50, Niblogo a ore 3.30. Poco più avanti due panchine invitano ad una sosta.
Proseguiamo quasi in piano seppur con lievi saliscendi.
Passiamo accanto ad un paletto con in bolli e riprendiamo a scendere con poca pendenza. Giunti in basso torniamo a vedere la Baita del Pastore in fondo alla vallata.
Percorriamo due tratti in discesa alternati ad altrettanti quasi in piano (m. 2650).
Arrivati ad un altro paletto con i bolli riprendiamo a scendere tra l'erba (m. 2635).
Proseguiamo quasi in piano mentre un torrente scende alla sinistra (m. 2595).

Da questo punto in avanti il pendio alla sinistra scende ripidamente, comunque possiamo procede in relativa sicurezza in quanto il sentiero è abbastanza largo.
In leggera discesa arriviamo al guado di un torrente (m. 2580).
Dopo alcuni saliscendi, percorriamo un tornante destrorso passando accanto ad un altro paletto con i bolli (m. 2575).
In leggera discesa seguiamo l'ansa della montagna dalla quale scende un rivolo, superato il quale giriamo a sinistra. E questo il punto più basso della traversata.
Continuiamo con vari saliscendi sempre assecondando le anse della montagna poi riprendiamo a salire fino a raggiungere un paletto con i bolli (m. 2585).
Proseguiamo in leggera salita e poi con maggiore pendenza. In lontananza cominciano ad apparire le cime sul versante nord della Val Zebrù.
Dopo un tratto in leggera salita e alcuni brevi saliscendi, scendiamo quattro gradini (m. 2610).
Percorriamo pochi passi quasi in piano, poi saliamo ripidamente a zig-zag.
Arrivati in alto, dopo pochi passi quasi in piano su fondo ghiaioso (m. 2630), torniamo a salire camminando su pietrisco.
Alterniamo alcuni tratti in leggera salita ad altri quasi in piano. Il sentiero torna ad essere sterrato. Poi attraversiamo un canale di pietrisco.
Riprendiamo a salire in modo abbastanza ripido.

Raggiungiamo un poggio erboso (m. 2690) dal quale cominciamo a vedere il Rifugio Quinto Alpini. Il lungo tratto con il pendio che alla sinistra precipita ripidamente è terminato.
Scendiamo tra l'erba e poi proseguiamo quasi in piano tra sfasciumi.
Percorriamo pochi passi in salita seguiti da altrettanti in discesa. Alla destra c'è una parete rocciosa.
Dopo un tratto in leggera discesa iniziamo un lungo traverso in salita, camminando su sfasciumi, a mezza costa, lungo il franoso versante della Cima della Miniera (m. 2680).
Poi la pendenza diminuisce (m. 2695).
Quasi in piano, lasciamo a destra una palina con il segnavia 30 B, divelta e infilata sotto un masso.
In basso a sinistra ci accompagna l'altro sentiero, descritto nel precedente itinerario, e davanti già vediamo il masso davanti al quale i due percorsi si uniscono.
Dopo un tratto in leggera salita ne percorriamo uno più lungo quasi in piano (m. 2720).
Riprendiamo poi a salire a zig-zag seguendo dei bolli rotondi di colore rosso e qualche freccia rossa.

Arriviamo al bivio (m. 2750). I segnavia indicano davanti: Rifugio V° Apini a ore 0.25; dietro a destra: Passi Zebrù a ore 1.40, Rifugio Pizzini a ore 2.20, Rifugio Forni a ore 3.40; dietro a sinistra: Baita del Pastore a ore 1.10, Niblogo a ore 3.10.
Proseguiamo in salita compiendo subito un tornante destrorso. Il sentiero ora è più largo.
Dopo il successivo tornante sinistrorso vediamo il tetto del rifugio e la bandiera (m. 2810). Notiamo anche a valle del rifugio un terrapieno costruito con delle pietre. Alla sinistra del sentiero ci accompagnano alcune pietre che fanno da ometto.
Percorriamo un tornante destrorso (m. 2845) e quasi subito uno sinistrorso. Ora vediamo interamente il rifugio.
Proseguiamo con un'ampia curva a sinistra guadando un torrente (m. 2865).
La pendenza diminuisce. Lasciamo a destra le pietre di un vecchio rudere e con alcuni zig-zag arriviamo al rifugio.

Tempo impiegato: ore 3.00 - Dislivello: m. 641 -470
Data escursione: agosto 2012

ESCURSIONI/ASCENSIONI PARTENDO DAL RIFUGIO:
  • al sovrastante ghiacciaio (m. 2940) in ore 0.10
  • al Monte Zebrù (m. 3740) in ore 3.30
  • al Gran Zebrù (m. 3851) in ore 5
  • al Monte Thurwieser (m. 3652) in ore 4
  • al Monte Ortles (m. 3605) in ore 5.50







Dati del Rifugio Quinto Alpini

Altezza:
m. 2877
Gruppo:
Alta Valtellina
Ubicazione:
Monte Zebrù
Comune:
Valfurva - SO
Carta Kompass:
72 C2
Coordinate Geo:
46°28'54.00"N
10°32'18.10"E
Gestore:
Michele Bariselli
Telefono gestore:
030 6857162
Telefono rifugio:
0342 929170
cellulari:
335 6574017
377 2295748
Posti letto:
60
Apertura:
20/6 - 20/9
Pagina aggiornata
il: 02/09/2012
Il Rifugio Quinto Alpini Il Rifugio Bertarelli La Media Val Zebrù Alta Val Zebrù Il Cevedale e il Rifugio Pizzini La Val Zebrù dal Passo Zebrù ll Gran Zebrù coperto dalle Pale Rosse Le Cime dei Forni Tratto con catene Colori in Val Zebrù Passerella sul torrente Tra gli sfasciumi sotto la Cima della Miniera Ultimo tratto in vista del rifugio Panorama dal rifugio Il ghiacciaio a monte del rifugio

clicca qui per stampare questa pagina (solo testo)

Rifugio Prudenzini torna su Rifugio Rasega

 Valid HTML 4.01! Copyright  Valid CSS!

Pagina vista da 16364 visitatori