Rifugio Baita Neel

Il Rifugio Baita Neel (o Baita Bassa dell'Alpe Nevel) è situato in alta Valcanale, lungo il sentiero che sale al Lago Branchino.
La baita dispone di dodici posti letto (otto nel soppalco e quattro, di cui due a castello, in una stanza a piano terra), cucina a gas e a legna con stoviglie e pentole, bagno con doccia, riscaldamento con stufa a legna e camino, luce elettrica con pannelli fotovoltaici.
All'esterno ci sono un barbecue e un tavolo di legno con relative panche.
La struttura viene concessa in comodato d'uso a gruppi, amici e famiglie. Per informazioni e prenotazione: martino.bigoni@gmail.com.
Leggi qui il regolamento e le norme di comportamento per l'utilizzo della baita.

Lasciamo la provinciale (ex statale 671) della Val Seriana al bivio di Parre (km. 29) per continuare diritto con la provinciale 49 lungo il corso del Serio.
Ad Ardesio, in località Ponte delle Seghe, abbandoniamo la provinciale per imboccare verso sinistra la strada che sale a Valcanale (cartello Alpe Corte, Valcanale, laghetto).
Superato l'abitato di Valcanale, in località Babes, c'è un ampio parcheggio alla sinistra subito prima di un laghetto (m. 1050). La sosta è soggetta al pagamento di Euro 2 per due ore oppure di Euro 3 per tutta la giornata. Un'apposita macchinetta collocata all'inizio del parcheggio rilascia il ticket da esporre sul cruscotto.

Lasciamo la macchina e ci incamminiamo quasi in piano seguendo l'asfalto. Alla sinistra poco più in basso c'è il laghetto. Il laghetto ha forma ovoidale, è attraversato da un ruscello ed è circondato da una stradina. Attorno tra l'erba ci sono alcune panchine.
Proseguiamo con pochissima pendenza tra un guard-rail e un muretto. Alla sinistra troviamo un secondo parcheggio anch'esso a pagamento.
Lasciamo a sinistra un masso.
Ignoriamo una stradina asfaltata che si stacca alla destra (m. 1070).

Troviamo un sentiero che sale a destra all'inizio del quale i segnavia indicano: sentiero 265, Baita Bassa di Monte Zulino (incrocio con sentiero n. 265A) a ore 0.50, Forcella di Zulino a ore 1.50, Val Sanguigno (incrocio con sentiero 232) a ore 2.45. Un cartello indica diritto: "Variante Rifugio Lago Branchino. Proseguire per 300 mt. seguendo sentiero n. 266, di seguito sentiero n. 218. Tempo percorrenza h. 2.15". Continuiamo diritto.
Diversi ruscelli scendono dalla destra e, ben incanalati, attraversano la strada passandole sotto. Troviamo altri piccoli parcheggi alla sinistra; questi sono gratuiti.

Al tornante sinistrorso, dove c'è il ponte sul Torrente Acqualina, la strada è chiusa da una sbarra (m. 1120). Un segnale stradale vieta l'accesso ai mezzi non autorizzati, un altro indica il pericolo di caduta massi. Un cartellone a cura del Parco delle Orobie parla di "Natura, cultura e tradizione. Progetto Arera valorizzare la biodiversità". Un altro cartello informa che qui inizia il Sentiero delle Orobie Centrali che, con un vasto semicerchio in quota e con una trentina di ore di cammino, collega i rifugi: Alpe Corte (sentiero 220 in ore 1), Laghi Gemelli (sentiero 216 in ore 3), Calvi (sentiero 213 in ore 4), Brunone (sentiero 225 in ore 5.30), Coca (sentiero alto 302 in ore 4 o basso 330 in ore 5), Curò (sentiero 303 in ore 3) ed Albani (sentieri 304+401 in ore 7.30).
Accanto alla sbarra che chiude la strada alcuni segnavia indicano verso sinistra con il percorso 266 seguendo il tornante: Baita di Vaghetto bassa a ore 0.50, Baita G.A.N. a ore 1.40, Passo Corna Piana (con sentiero 218) a ore 2.40 e con il percorso 243: Passo del Re a ore 2.50, Rifugio Santamaria in Leten a ore 3.10; un altro cartello segnala una "variante per il Rifugio Lago Branchino: Sentiero n. 266 Baita Gan seguire poi Sentiero 218, tempo percorrenza: h. 2.15".
Alla destra, salgono nel bosco: una stradina segnalata con il n. 220 (accanto alla sbarra) e un sentiero anch'esso segnalato con il n. 220 (alla destra dei cartelloni). Poco dopo il sentiero si innesta sulla stradina.

Alcuni tratti della stradina hanno il fondo in cemento in modo da renderla percorribile con un fuoristrada. Delle canaline per lo scolo dell'acqua la attraversano.
Una scritta su di un masso alla destra segnala l'inizio del Sentiero delle Orobie. Superiamo una stanga di colore grigio. Saliamo tra pini e noccioli.
Alla sinistra scorre il torrente che, poco più avanti, attraversa la stradina passando sotto un ponticello privo delle sponde e realizzato con 14 assi (m. 1150).
Proseguiamo tra i larici. La stradina continua ad alternare tratti su sterrato ad altri su cemento e pietre.

Ignoriamo un sentiero che si stacca alla destra (m. 1185).
Poco dopo la stradina si sdoppia, verso sinistra attraversa un torrente, che troviamo in secca, e verso destra lo supera con un ponte alla cui sinistra c'è una sponda in ferro.
Subito dopo le due stradine si uniscono.

Un ruscelletto che scorre alla sinistra ci accompagna per un lungo tratto, fino ad un tornante sinistrorso (m. 1225).
Alla sinistra, alcuni tronchi stesi a margine della stradina fanno da rinforzo.
Percorriamo un tornante destrorso al termine del quale ignoriamo un sentiero che prosegue diritto (m. 1235).
Alterniamo alcuni tratti con poca pendenza ad altri in salita. Su di un masso vediamo il segnavia 220 (m. 1255).
Percorriamo una curva verso destra (m. 1265) e una verso sinistra (m. 1275).
Continuiamo con delle serpentine appena accennate.

Alla destra, un po' in dentro e seminascosta dagli alberi, vediamo la Baita Pianscuri (m. 1292).
La pendenza aumenta ma solo per un tratto.
In leggera salita superiamo una semicurva verso destra.
Percorriamo una curva verso sinistra dove un ruscello attraversa scorrendo su una base in cemento (m. 1305).

Poco dopo percorriamo un'ampia curva verso destra. La stradina sembra scavata nel terreno circostante (m. 1315).
Continuiamo in modo abbastanza ripido. Alla sinistra ci sono alcune gabbie contenenti delle pietre con funzione di rinforzo e contenimento.
Alla sinistra vediamo un cartello intitolato "Le farfalle dei boschi e delle radure" (m. 1330).
La pendenza diminuisce.
Alla sinistra si stacca un sentiero che rientra poco più avanti mentre la stradina, dopo un tratto quasi in piano, riprende a salire bagnata da un rivolo. L'acqua proviene da una sorgente che vediamo sgorgare alla destra. (m. 1340).
Subito dopo percorriamo una curva verso sinistra all'esterno della quale c'è un altro rivolo sorgivo con dell'acqua che esce da un tubicino blu.

Superiamo un breve tratto abbastanza ripido.
Con poca pendenza percorriamo un ampio tornante destrorso terminato il quale troviamo una biforcazione (m. 1360). Alla sinistra c'è il percorso diretto per il Lago Branchino mentre alla destra quello che passa per il Rifugio Alpe Corte. I segnavia indicano in entrambe le direzioni: Rifugio Lago Branchino, Rifugio Capanna 2000; a destra con il percorso 220: Rif. Alpe Corte a ore 0.10, Rif. Laghi Gemelli a ore 3.15, Sent. delle Orobie; dietro: Valcanale a ore 0.40. Possiamo utilizzare entrambi i percorsi ma preferiamo continuare verso l'Alpe Corte in modo da passare anche da questo rifugio.

Continuiamo in salita.
Alla destra c'è una radura con qualche albero (m. 1380).
Dopo un tratto quasi in piano torniamo a salire.
Attraversiamo un'altra radura in fondo alla quale cominciamo e vedere il Rifugio Alpe Corte.
Alla sinistra troviamo il segnavia 220 dipinto su di una pietra. In alto a destra, al limitar del bosco, c'è una vecchia baita.

Alcuni segnavia indicano, con il percorso 265A: Baita di Zulino Bassa a ore 0.50, Baita Campagano b. a ore 2, Rif. Alpe Corte (giro) ore 3, Valcanale (Babes) a ore 1.20, Forcella Zulino a ore 1.40, Val Sanguigno n. 232 a ore 2.20.
Raggiungiamo un rosone sul quale sono indicate le cime e i passi che possiamo vedere verso sinistra (sud): Passo Zulino, Monte Secco (m. 2267), Monte Fop (m. 2322), Passo del Re (m. 1997), Cima Valmora (m. 2198), Passo Valmora (m. 1996), Pizzo Arera (m. 2512), Monte Corna Piana (m. 2302), Corno Branchino (m. 2033), Passo Marogella (m. 1873), Monte delle Galline (m. 2123), Passo Laghi Gemelli (m. 2130).

Lasciamo a sinistra una fontana, abbandoniamo la stradina che si dirige verso un rudere e con pochi passi in salita raggiungiamo il Rifugio Alpe Corte (m. 1410).
Oltre il rifugio proseguiamo su di un sentiero quasi in piano.
Continuiamo con una staccionata di legno alla sinistra.
Alla sinistra, un poco più in basso, vediamo un'area pic-nic con cinque tavoloni di legno e relative panche dove c'è anche un cartellone che parla di "conservazione e ripopolamento di orchidee autoctone prealpine".

Poco dopo arriviamo ad un bivio (m. 1415). I segnavia indicano a destra con il sentiero 216: Passo della Marogella a ore 1.20, Rifugio Laghi Gemelli a ore 3; davanti con il sentiero 218: Baite Alpe Neel, Rif. del Lago Branchino a ore 1.10, Passo Branchino a ore 1.20; dietro: Rif. Alpe Corte a ore 0.05, Valcanale a ore 0.50.

Poco più avanti sulla sinistra troviamo una presa d'acqua sul Torrente Valle Corte.
Quasi in piano giriamo a sinistra e attraversiamo il torrente con un guado seguito da una passerella in cemento e da un altro guado.
Giunti sull'altra sponda con un sentiero in leggera salita retrocediamo lungo l'altra riva.
Proseguiamo in salita e giriamo a destra.

Entriamo in un prato. Alla destra c'è la Baita Corte Bassa sulla facciata della quale c'è un portico (m. 1425).
Continuiamo quasi in piano. Alla sinistra troviamo un cassottello tra i prati.
Proseguiamo in salita con un sentiero tra l'erba e troviamo un cartello che parla delle "Farfalle nei pascoli".
Quasi in piano percorriamo due curve destra-sinistra.
Raggiungiamo degli alberi tra i quali scorre un torrente ed un bivio dove, ignorato il sentiero che sale a destra, andiamo a sinistra in leggera discesa e guadiamo il corso d'acqua (m. 1445).
Seguendo dei bolli saliamo verso destra.

Andiamo ad immetterci su di una stradina con il fondo in pietre e cemento. Qui alcuni segnavia indicano a destra con il sentiero 218: Baite Alpe Neel, Rif. del Lago Branchino a ore 1, Passo Branchino a ore 1.10; a sinistra con il sentiero 218A: Valcanale a ore 0.50; dietro con il sentiero 218: Rifugio Alpe Corte a ore 0.10. Andiamo a destra, tra radi alberi (m. 1455).
Percorriamo quattro tornanti sx-dx-sx-dx.
Ora saliamo in modo abbastanza ripido e rientriamo nel bosco (m. 1470).

All'esterno di un tornante sinistrorso molto ampio (quasi 360°) vediamo il torrente formare una cascata (m. 1490).
Ignoriamo un sentiero che retrocede verso destra.
Proseguiamo con poca pendenza e troviamo un altro sentiero che si stacca verso destra.
Percorriamo un ampio tornante destrorso (m. 1510).

Raggiungiamo una bacheca con una cartellone che mostra una cartina della zona e parla dell'Alpe Nevel e un bivio dove i segnavia indicano, davanti con il sentiero 218: Baite Alpe Neel, Rif. del Lago Branchino a ore 0.50, Passo Branchino a ore 1.05; a sinistra con il sentiero 266: Baita G.A.N. a ore 0.25, Baita Piazza bassa a ore 0.40, Baita Piazza alta a ore 0.45; dietro con il sentiero 218: Rif. Alpe Corte a ore 0.15, Valcanale a ore 1.
Subito dopo su di una pietra, frecce e segnavia sintetizzano gli stessi percorsi. Un cartello parla delle "Farfalle degli arbusteti".
Proseguiamo in salita su sfasciumi, tra radi alberi. Davanti, in alto, cominciamo a vedere la Baita Bassa dell'Alpe Nevel.

Percorriamo una curva verso sinistra, tagliabile con un sentierino tra l'erba.
Su di una pietra leggiamo: "Sentiero delle farfalle" (m. 1545).
Passiamo accanto ad un area recintata; un cartello informa che si tratta di un "Punto di osservazione delle farfalle".

Ancora pochi passi e raggiungiamo la Baita Bassa dell'Alpe Nevel. La baita, ben ristrutturata, è circondata da una staccionata all'interno della quale ci sono un tavolone in legno con relative panche e un barbecue. All'esterno della recinzione, due bacheche con tettuccio recano dei cartelli che parlano dell'Alpe Nevel e della transumanza (m. 1567).

Tempo impiegato: ore 1.25 - Dislivello: m. 517
Data escursione: settembre 2012 - dicembre 2019

ESCURSIONI PARTENDO DAL RIFUGIO:
  • alla Baita Neel di Mezzo (m. 1613)
  • al Rifugio del Lago Branchino (m. 1796)
  • al Lago Branchino
  • al Passo Branchino
  • al Rifugio Capanna 2000 (m. 1960)
  • alla Baita G.A.N.
  • alla Baita Piazza bassa
  • alla Baita Piazza alta
  • al Rifugio Alpe Corte (m. 1410)



Dati del Rifugio Baita Neel

Altezza:
m. 1567
Gruppo:
Orobie
Ubicazione:
Val Canale
Comune:
Ardesio - BG
Carta Kompass:
104 B5
Coordinate Geo:
45°57'17.00"N
9°49'02.40"E
Gestore:
A.R.D.E.S.
Telefono gestore:
0346 33714
Telefono rifugio:
-
Posti letto:
12
Apertura:
in autogestione
per gruppi
Pagina inserita
il: 06/01/2020
Rifugio Baita Neel SETTEMBRE 2012 - Il Laghetto di Valcanale Passiamo dal Rifugio Alpe Corte La Baita Corte Bassa Rifugio Baita Neel Il Pizzo Arera DICEMBRE 2019 -  La Baita Pianscuri Una baita al limitar del bosco poco prima del Rifugio Alpe Corte La parte retrostante del Rifugio Alpe Corte La Baita Corte Bassa Veduta del Rifugio Alpe Corte dalla zona della Baita Corte Bassa Lungo il sentiero innevato Siamo quasi arrivati Bacheca con tettuccio

clicca qui per stampare questa pagina (solo testo)

Rifugio Nassano torna su Baita Nembrini

 Valid HTML 4.01! Copyright  Valid CSS!

Pagina vista da 2213 visitatori