Rifugio Larice Tonassi

Il Rifugio Larice Tonassi Ŕ situato all'Alpe Pezzeda nei pressi della stazione a monte della seggiovia che sale da Collio.

Itinerario dai Piani di Vaghezza
Usciamo dall'autostrada Milano-Venezia a Ospitaletto (km. 206) e prendiamo la SP 19 che percorriamo interamente.
Dopo il ponte sul Mella ci immettiamo nella SP 345 della Val Trompia con la quale, superate Concesio, Sarezzo, Gardone e Marcheno, arriviamo a Tavernole dove al km. 23.8 deviamo a destra per imboccare la SP 50.
Giunti a Marmertino e superato il Municipio, al km. 6.3 della provinciale prendiamo la stradina asfaltata che si stacca a sinistra e sale ai Piani di Vaghezza.
Ad una biforcazione, un cartello indica verso sinistra: Irma; verso destra: Piani di Vaghezza, Bivacco Malga Croce.
All'uscita dal bosco, lasciamo la macchina in un vasto parcheggio sulla sinistra nei pressi di un'area attrezzata per il pic-nic (m. 1135).
I segnavia (dietro ai quali c'Ŕ un chiosco bibite) indicano: Vaghezza m. 1150; a sinistra (Via Monte Ario) con il 3V: Passo delle Piazze a ore 0.20, Scale dell'Ario - Pian del Bene a ore 1, Monte Ario a ore 1.45; a destra: Passo del Termine a ore 0.45, Passo della Cavada a ore 1.45, Lodrino a ore 2.40.

Passiamo su di una grata di scolo e ci incamminiamo in leggera salita lungo Via Monte Ario, una stradina asfaltata costeggiata alla sinistra da alcune case.
Su di un muro di recinzione vediamo il primo segnavia di colore bianco e azzurro che indica la 3V (Tre Valli Bresciane).
Superiamo un'altra grata di scolo.
Troviamo altre costruzioni alla destra.
Ad una biforcazione ignoriamo una stradina asfaltata che sale a sinistra e continuiamo verso destra quasi in piano (m. 1145).
Percorriamo alcune serpentine e troviamo altri edifici.

In salita arriviamo all'ultima casa e alla fine dell'asfalto. Un cartello stradale consente il transito ai soli automezzi autorizzati. Entriamo nel bosco. Ora il fondo Ŕ in cemento ed Ŕ attraversato da alcune cunette per lo scolo dell'acqua (m. 1165).
Con il fondo sterrato e con una corta staccionata alla destra, percorriamo un tornante sinistrorso molto ampio.
Ora la strada Ŕ divisa in due: su cemento alla sinistra e su sterrato alla destra. Alla sinistra c'Ŕ un muretto di pietre. Alla destra c'Ŕ un valloncello.

Su di un cartello, collocato alla sinistra un poco pi¨ in alto rispetto alla strada, leggiamo: "Giardino dei Cavalieri della Vaghezza". In leggera salita, su fondo sterrato, usciamo dal bosco (m. 1185).
Continuiamo tra i prati ignorando due stradine, una per parte, che si uniscono a quella che stiamo percorrendo.
Lasciamo a destra uno slargo.
Proseguiamo quasi in piano. Presso una semicurva a destra con un tombino nel mezzo, ignoriamo una sterrata che scende a sinistra (m. 1195).
Cominciamo a trovare delle canaline di ferro per lo scolo dell'acqua di traverso alla strada.

Rientriamo nel bosco. Sul primo albero alla destra vediamo un bollo bianco-azzurro.
Percorriamo un'ampia curva a sinistra seguita da una curva a destra (m. 1205).
In leggera salita superiamo un tratto con il fondo in cemento e continuiamo su sterrato. Qui la stradina Ŕ incassata nel terreno circostante.

Usciamo dal bosco e percorriamo una curva a sinistra ignorando una stradina che retrocede verso destra ed un'altra che prosegue diritto. I segnavia indicano con l'ippovia del Savallo, diritto: Forni Fusori; dietro: Ranch Vaghezza, Passo Termine.

Poco dopo troviamo alla destra una bacheca con tettuccio ed un'area di sosta con due tavoli di legno e relative panche. I segnavia della 3V indicano: Passo delle Piazze m. 1222; a destra: Scale dell'Ario a ore 0.10, Pian del Bene a ore 0.40, Monte Ario a ore 1.25; dietro: Vaghezza a ore 0.40, Passo del Termine a ore 1.30, Passo della Cavada a ore 1.50. Un cartello indica a destra il Bivacco Malga Croce. Lasciamo pertanto la stradina sterrata per prendere il sentiero alla destra.

Dopo pochi passi tra l'erba, in salita rientriamo nel bosco.
Subito notiamo alcuni faggi secolari. Sui tronchi di alcuni alberi vediamo dei bolli gialli oppure bianchi e azzurri.
Passiamo accanto ad un masso aguzzo e arriviamo ad una biforcazione. Seguendo i bolli teniamo la sinistra ma poco dopo anche l'altro sentiero rientra (m. 1245).
Ignoriamo un sentiero che si stacca alla sinistra e sale a zig-zag.
Vediamo altri bolli bianchi e azzurri: su di una roccia, su di una pietra e sul tronco di un albero.

Seguendo i bolli percorriamo uno zig-zag sinistra-destra ma possiamo anche utilizzare un altro sentiero che continua diritto (m. 1270).
Troviamo una pietra con i bolli in mezzo al sentiero.
Subito percorriamo un tornante sinistrorso presso il quale ignoriamo un sentiero che prosegue diritto (m. 1285).

Con pochi ripidi passi superiamo un breve tratto incassato nel terreno circostante.
Continuiamo in salita.
Percorriamo due tornanti destra-sinistra.
Poco dopo, alla sinistra, troviamo un manufatto in cemento ancora in costruzione. Qui percorriamo un tornante destrorso ignorando un sentiero che prosegue diritto ed un altro che scende a sinistra (m. 1300).
Camminiamo con il fondo parte in pietra e parte sterrato.

Presso un tornante sinistrorso, risaliamo agevolmente una roccetta nella quale sono stati scavati dei rudimentali gradini (m. 1310).
Proseguiamo con poca pendenza. Vediamo un segmento azzurro dipinto sul tronco di un albero (m. 1320).
Troviamo un tronco steso alla sinistra del sentiero.
Torniamo a salire. Alcune radici fanno da gradino.
Percorriamo un tornante destrorso (m. 1330).

Il sentiero si divide e prosegue a sinistra con dei gradini di pietra e cemento; alla destra su sterrato. Dopo circa cinque metri si ricompone.
Subito percorriamo un tornante sinistrorso.
Proseguiamo quasi in piano. Scavalchiamo una grossa radice. Percorriamo una curva a destra.

Continuiamo in leggera salita. Alla sinistra ci sono 13 paletti gialli con due fori. Probabilmente in seguito verranno infilati due cavi per formare delle protezioni verso un ripido pendio alberato (m. 1345).
Dopo quatto gradini di pietra e cemento i paletti gialli terminano.
Percorriamo un breve tratto abbastanza ripido con due semicurve destra-sinistra.
Continuiamo dapprima con poca pendenza su sterrato e poi in salita con un fondo di roccia.
Dopo un tornante destrorso, ne percorriamo altri due sinistra-destra vicini tra loro (m. 1370).
Pi¨ avanti, il sentiero si divide solo per aggirare un alberello (m. 1385).
Poco dopo superiamo un tornante sinistrorso.

All'esterno di un tornante destrorso troviamo una grotta contenente una piccola statua raffigurante San Francesco (m. 1395).
Per un tratto il sentiero Ŕ incassato tra delle roccette.
Alla destra troviamo un'altra serie di 6 paletti gialli, terminati i quali continuiamo con poca pendenza.
Su di un cartello leggiamo: "Zona Alpi. Distretto Valle Trompia. Comparto A".
Saliamo tre gradini di roccia.

Percorriamo un tornante sinistrorso assai ampio verso la fine del quale ignoriamo una traccia che prosegue diritto in leggera salita ed un'altra che scende a destra (m. 1415).
Superiamo un tornante destrorso (m. 1425).
In salita percorriamo una curva a sinistra (m. 1440).
Continuiamo in lievissima salita.

Presso un'ampia curva a destra troviamo uno slargo. Alla destra c'Ŕ un piccolo casello dell'acquedotto; alla sinistra c'Ŕ un manufatto in costruzione (m. 1455).
Torniamo a salire. Troviamo il cartello: "Zona Alpi Comparto A".
Proseguiamo in modo abbastanza ripido.
Dopo un tratto con poca pendenza torniamo a salire (m. 1475).

Arriviamo al termine del bosco e continuiamo tra prati e qualche albero. Davanti abbiamo il versante SW del Monte Campello e del Monte Ario.
Alterniamo due tratti in salita ad uno quasi in piano. Lontano, verso destra, vediamo una casa (m. 1500).
Proseguiamo in leggera salita accompagnati alla destra da una recinzione con dei paletti di legno e filo spinato.

Poco dopo sbuchiamo su una sterrata (m. 1530). Qui troviamo una bacheca in legno con un cartello che segnala a sinistra il Bivacco Malga Croce ed una palina con vari segnavia che indicano: Pian del Bene m. 1515; diritto con il sentiero 3V: Monte Campello a ore 0.30, Monte Ario a ore 0.45, Alpe Pezzeda a ore 1.15; a destra con la Variante Bassa 3V: Alpe Pezzeda a ore 1, Passo del Maniva a ore 5.30; dietro: Passo Piazze a ore 0.30, Vaghezza a ore 0.45, Passo del Termine a ore 1.30.
Possiamo pertanto scegliere se continuare diritto lungo le creste o aggirarle verso destra. Eventualmente i due percorsi si possono unire ad anello.

Andiamo diritto (vedi pi¨ sotto la variante bassa verso destra).
Saliamo tra i prati con un sentierino che ben presto diventa ripido.
Dopo un tornante destrorso la pendenza aumenta ancora. In basso a destra vediamo due malghe e dietro il M. Guglielmo.
Percorriamo poi un tratto con poca pendenza e torniamo a salire.

Arrivati in cima al Monte Campello (m. 1642) cominciamo a vedere la croce sull'Ario.
Seguiamo ora il crinale tenendoci un po' a sinistra.
Ci portiamo poi in cresta dapprima quasi in piano e poi in salita.
Ancora pochi passi in piano e torniamo a salire attorniati da alcune rocce che spuntano dall'erba.
Superiamo un piccolo valloncello e saliamo verso una selletta (m. 1690).
Dopo pochi passi in discesa continuiamo con un tratto in leggera salita un po' esposto.
Saliamo poi ripidamente verso una cimetta (m. 1710) e, anche questa volta, dopo pochi passi in discesa riprendiamo a salire.

Infine con un ultimo tratto in leggera salita raggiungiamo la grande croce sulla vetta del Monte Ario (m. 1755). Sulla cima troviamo anche un tavolo/altare ed un piccolo crocefisso. Alcuni segnavia indicano nella nostra direzione di marcia: Passo Croce a ore 1, Irma a ore 2.50, Bovegno a ore 3.40, Sella Campo di Nasso a ore 0.10, Passo Falcone a ore 0.15, Pezzeda Blachý a ore 0.30.
Una sosta Ŕ d'obbligo per tirare il fiato e ammirare la cerchia di cime che ci circondano; vale la pena di citare per lo meno: il Monte Guglielmo (m. 1948 W), il Monte Muffetto (m. 2060 NW), il Cornone di Blumone (m. 2843 NE), il Monte Pezzeda (m. 1799 NE) e la Corna Blacca (m. 2005 NE).

Iniziamo ora la discesa sull'opposto versante (NE). Inizialmente la pendenza Ŕ poca ma poi diventa assai ripida. Occorre prestare molta attenzione, sopratutto in caso di fango o erba bagnata, in quanto uno scivolone potrebbe avere conseguenza assai gravi.
Giunti in basso, nei pressi di un traliccio la pendenza diminuisce sensibilmente.
Tra i maggiociondoli, continuiamo in discesa passando sotto i cavi dell'alta tensione.
I bolli ora sono di colore bianco e azzurro oppure bianco e rosso; a volte sovrapposti a formare la bandiera francese.

Con un tratto pianeggiante ed uno in lieve discesa raggiungiamo un bosco. Siamo al Goletto Campo di Nasso (m. 1610). Vari segnavia indicano a sinistra: Passo Croce a ore 0.40, Irma a ore 2.30, Bovegno a ore 3.10; dietro: Monte Ario a ore 0.30; andando diritto e subito dopo a destra: Alpe Pezzeda.
In salita raggiungiamo una crestina un po' esposta e con alberi sulla sinistra.
Troviamo poi un sentiero che arriva da sinistra; un cartello lo segnala come adatto ai bikers.
Arriviamo ad un bivio: a sinistra c'Ŕ un sentiero con i bolli bianco-rossi e a destra un altro con i bolli bianco-azzurri.
Prendiamo il primo in salita tra l'erba. Dopo un tratto con poca pendenza, saliamo ripidamente fino al Dosso Falcone (m. 1701).

Giunti in cima, andiamo verso destra in piano.
Poi in leggera discesa iniziamo a scendere l'opposto versante. A sinistra c'Ŕ una baita tra gli alberi.
Davanti ci sono i prati dell'Alpe Pezzeda in fondo ai quali giÓ vediamo il Rifugio Blachý2.
Dopo un po', terminati gli alberi alla nostra sinistra, vediamo anche il Rifugio Larice, sulla sinistra dell'alpeggio.

Raggiungiamo l'innesto con la Variante Bassa (m. 1660). I segnavia indicano davanti: Pezzeda, Rifugio Blachý a ore 0.15, Passo Pezzeda, Mattina a ore 0.35, Corna Blacca a ore 1.50; verso destra: Passo Falcone a ore 0.15, Monte Ario a ore 0.40, Campo di Nasso a ore 0.35.
Per raggiungere il Rifugio Larice possiamo anche scendere direttamente tra i prati alla nostra sinistra.
Continuiamo diritto in leggera discesa tra i prati su di una stradina sterrata parzialmente ricoperta dall'erba.
Dopo pochi passi in leggera salita, proseguiamo in leggera discesa lasciando a sinistra una pozza d'acqua.

Arriviamo ad un bivio. A destra bastano pochi passi per arrivare al Rifugio Blachý2 e successivamente alla stazione di arrivo della seggiovia. Andiamo invece a sinistra. Costeggiamo la pozza d'acqua, presso la quale ci sono due panchine, e raggiungiamo il Rifugio Larice.

Tempo impiegato: ore 2.30 - Dislivello m. 721 -241
Data escursione: giugno 2009 - novembre 2016
 
Variante Bassa
Al bivio in localitÓ Pian del Bene (m. 1530), prendiamo la sterrata verso destra.
Con percorso quasi pianeggiante, passiamo sotto i cavi dell'alta tensione e arriviamo alla Malga Pian del Bene di Sopra.
Passando tra le costruzioni della malga, continuiamo in leggera discesa con un tratturo tra i prati fino a raggiungere una sterrata nei pressi di un'altra malga che lasciamo a destra.
Prendiamo questa stradina e andiamo a sinistra in leggera discesa.
Troviamo un cartellone che informa sul regolamento per la raccolta dei funghi.
Un rivolo passa sotto alla sterrata. In questo punto i dossi a lato della stradina sono ingabbiati in una imbragatura per evitare eventuali frane.
Dopo un tratto pianeggiante ne percorriamo un altro in discesa tra i prati.
Troviamo due rivoli, uno dopo l'altro, che attraversano la stradina (m. 1455).
Superiamo un gruppo di alberi e poi, tra i prati, alternando tratti in piano ad altri in leggera salita arriviamo alla Malga Campo di Nasso (m. 1513).

Continuiamo verso sinistra con un tratturo tra i prati lasciando una pozza alla nostra destra.
In leggera salita arriviamo ad un bivio. Da sinistra arriva un sentiero contrassegnato da bolli bianco-azzurri. Andiamo a destra.
Passiamo accanto ad un altro cartello che disciplina la raccolta funghi e superiamo un gruppo di larici.
La pendenza aumenta ed il sentiero si divide in due tracce che scorrono parallele.
Raggiungiamo un bivio ed alcuni segnavia che indicano a sinistra: Monte Ario a ore 0.30, Pian del Bene a ore 1, Piani di Vaghezza a ore 1.50; dietro: Variante Bassa, Pian del Bene a ore 0.45, Piani di Vaghezza a ore 1.30. Continuiamo diritto con brevi saliscendi fino ad arrivare al margine sud dell'Alpe Pezzeda dove incontriamo il sentiero che scende dal Dosso Falcone e arriva da sinistra (m. 1660).
I Rifugi Larice e Blachý2 sono giÓ visibili pi¨ in basso davanti a noi. Continuiamo come precedentemente descritto nel precedente itinerario fino al rifugio.

Tempo impiegato: ore 2.10 - Dislivello m. 585 -105
Data escursione: giugno 2009

ESCURSIONI/ASCENSIONI PARTENDO DAL RIFUGIO:
  • al Rifugio Blachý2 (m. 1615) in ore 0.05
  • al Monte Ario (m. 1755) in ore 0.40
  • al Passo Pezzeda (m. 1613)
  • al Monte Pezzeda (m. 1799)
  • alla Corna Blacca (m. 2005) in ore 2.20
  • al Passo delle Portole (m. 1726) in ore 3.45
  • al Passo del Maniva (m. 1669) in ore 4.30





Dati del Rifugio Larice Tonassi

Altezza:
m. 1615
Gruppo:
Val Trompia
Ubicazione:
Alpe Pezzeda
Comune:
Collio - BS
Carta Kompass:
103 E3 - 106 I1
Coordinate Geo:
45░47'22.30"N
10░20'12.20"E
Gestore:
Fam. Tonassi
Telefono gestore:
339 7274106
Telefono rifugio:
030 927237
Posti letto:
18
Apertura:
weekend luglio,
tutto agosto e
stagione sciistica
Pagina aggiornata
il: 16/11/2016
Il Rifugio Larice Tonassi Salita al Monte Campello Salita al Monte Ario Pozza tra i Rifugi Blachý2 e Larice Croce accanto al rifugio

clicca qui per stampare questa pagina (solo testo)

Bivacco La Petta torna su Rifugio Lavorerio

 Valid HTML 4.01! Copyright  Valid CSS!

Pagina vista da 6669 visitatori