Rifugio Saoseo

Il Rifugio Saoseo situato in Val di Campo, laterale della Valle di Poschiavo.

Lasciamo la statale 38 a Tirano per prendere sulla sinistra la strada che sale verso i valichi della Forcola e del Bernina.
Dopo alcuni chilometri, a Campocologno, entriamo in Svizzera. La strada diventa la nazionale 29.
Superiamo il Lago di Poschiavo e risaliamo tutta la vallata fino a Sfaz (m. 1622, 21 km. dopo Tirano) dove nei pressi di un ristorante troviamo sulla destra la sterrata per la Val di Campo. Il traffico vietato su questa sterrata; ad ogni modo i pi pigri possono utilizzare il pulmino postale che fa servizio navetta dal Ristorante Sfaz fino ai due rifugi: Saoseo Lungacqua (m. 1985) ed Alpe Campo (m. 2070).
Seguendo la N29 per un altro centinaio di metri, troviamo sulla sinistra un vasto parcheggio dove lasciamo la macchina.

Volgendo le spalle al ghiacciaio del Pal che fa bella mostra di s all'orizzonte, prendiamo la strada sterrata della Val di Campo all'inizio della quale alcuni segnavia indicano: Sfaz m. 1622; Pugnalta 2 h, Cavaglia 2 1/4 h, La Rsa 1 h, Rifugio Saoseo CAS 1 1/4 h, Camp 1 1/2 h, Terzana 50 min, Aurafreida 2 h. Altri due cartelli informano se i due rifugi sono aperti o chiusi. C' anche una grande cartina della Val Poschiavo e dintorni.
Camminando in leggera salita, lasciamo dapprima il ristorante alla destra e poi un garage alla sinistra.
Accompagnati da recinzioni in legno alla destra, percorriamo un tornante sinistrorso all'esterno del quale sale una scorciatoia.
Cominciamo a trovare delle canaline di legno poste di traverso alla strada per lo scolo dell'acqua.
Passiamo sotto tre cavi elettrici.

Presso un tornante destrorso troviamo altri segnavia che indicano con un sentiero che prosegue diritto: Cavaglia, La Rsa; dietro: Sfaz; continuando con la sterrata: Camp, Aurafreida (m. 1660).
Un cartello indica una zona protetta. Entriamo in un bosco e passiamo sotto altri cavi.
La pendenza aumenta. Alla destra troviamo un paletto dipinto di bianco e rosso (m. 1700).
In basso a destra vediamo la scorciatoia, che rientra poco pi avanti prima di arrivare presso la Colonia infantile di Boril dove alcuni segnavia indicano diritto: Camp; dietro: Sfaz, La Rsa.

La strada continua con una curva a sinistra mentre un sentiero prosegue diritto. I segnavia indicano i Rifugi Saoseo e Camp in entrambe le direzioni. Dietro invece viene segnalato Sfaz. Alla destra ci sono delle protezioni realizzate con paletti di cemento e traversine di legno. Notiamo che gli edifici della colonia alla sinistra sono tre. Ci sono anche due panchine (m. 1710).
Seguiamo la sterrata dapprima quasi in piano, poi in salita camminando tra due recinzioni in legno.
Pi avanti alla sinistra, invece della recinzione di legno c' un muretto di pietre.
Ignoriamo una stradina, chiusa da una sbarra di legno, che sale a sinistra (m. 1735).
Poco dopo alla destra, un'altra sbarra di legno chiude l'accesso ad un prato.

In alto a sinistra vediamo una casa sulla quale leggiamo "19 Salva 35". La aggiriamo con una curva e proseguiamo quasi in piano tra due recinzioni.
Raggiungiamo un gruppo di case. Alla sinistra c' una fontana con due vasche in cemento (m. 1750).
Ora camminiamo tra un muretto di pietre e una recinzione in legno fino ad una curva a sinistra.
Percorriamo poi una curva a destra e continuiamo tra i prati in leggera salita. Alla sinistra ci accompagnano dapprima una recinzione in legno e poi un muretto.

Dopo un tratto con la recinzione alla destra, troviamo una sterrata che sale a sinistra. I segnavia indicano diritto: Rifugio Saoseo CAS, Camp, Terzana; dietro: Sfaz; a sinistra: La Rsa.
Vediamo delle mucche al pascolo nei prati circostanti.
Entriamo in un bosco (m. 1785) e subito ignoriamo una stradina che, in leggera discesa, conduce ad una cascina (casa e stalle).
Proseguiamo poi tra un muretto di pietre e una recinzione in legno.
Lasciato il bosco, nei prati alla destra vediamo alcune case e stalle. Un rivolo attraversa la stradina passandole sotto. Troviamo un segnavia bianco rosso bianco. Volgendo le spalle riusciamo ancora a vedere il ghiacciaio del Pal (m. 1800).
Superata una cascina, giriamo a sinistra, ignorando una stradina che dall'altro lato scende verso altre case.

Rientriamo nel bosco (m. 1815). Dal basso a destra sentiamo provenire il rumore del torrente che per il momento non riusciamo a vedere.
Pi avanti alla sinistra c' una parete rocciosa mentre alla destra ci sono delle protezioni in legno.
La pendenza aumenta. In basso a sinistra vediamo un muretto di pietre e in basso a destra un prato all'interno del quale c' un masso (m. 1825).

Troviamo poi un piccolo slargo alla sinistra e una stradina che scende alla destra (m. 1835). Su di un cartello leggiamo: Mottacalva 1790 m.; a destra: Terzana, Lagh da Saoseo, Aurafreida: diritto: Rifugio Saoseo CAS, Camp; dietro: Sfaz. Continuiamo diritto.
In seguito troviamo dei prati, uno slargo e una stradina che sale a sinistra (m. 1845).
Passiamo accanto a delle rocce in un tratto allo scoperto. Alla sinistra c' un muro in cemento e alla destra delle protezioni in metallo.
Subito dopo rientriamo nel bosco. Alla destra ci sono delle protezioni in legno.

Ignoriamo una stradina inerbita che si stacca a sinistra. Alla destra ci sono una piccola pozza e un fiore scolpito nel legno. Alla sinistra c' una pietra che fa da panca oltre che da copertura al rivolo che attraversa la sterrata passandole sotto; altre simili le troveremo in seguito (m. 1865).
Usciamo dal bosco e proseguiamo tra i prati. Qua e l vediamo alcune case sparse. Una stradina alla destra si dirige verso una di queste case (m. 1875).
Ora alla sinistra ci accompagna un basso muretto mentre alla destra ci sono delle pietre che fanno da picchetto ai lati della strada.
Superiamo un altro tratto alberato durante il quale ignoriamo una sterrata che si stacca alla sinistra (m. 1890).
Proseguiamo tra prati e radi alberi.

Lasciata a sinistra una fontana, la cui acqua cade in un tronco scavato, quasi in piano raggiungiamo un gruppo di case.
L'ultima casa recintata dapprima con una staccionata in legno e poi con un muretto di pietre che termina accanto ad un pannello solare. Volgendo le spalle riusciamo ancora a vedere il ghiacciaio del Pal.
Poi ignoriamo una sterrata che si stacca alla destra.
Proseguiamo in leggera salita tra i prati. Alla destra ci sono alcuni larici accanto alla strada e delle case sparse nei prati.
Dopo alcune semicurve troviamo un rivolo che attraversa la strada passandole sotto ed una stradina che scende alla destra (m. 1920).
Troviamo poi altri due rivoli che, come il precedente, passano sotto alla strada. Alla sinistra c' un basso muretto di pietre.

Pi avanti passiamo accanto ad una roccia friabile. La lasciamo a sinistra mentre alla destra ci sono delle protezioni in legno (m. 1935).
Dopo una curva verso sinistra ed un'altra verso destra torniamo a camminare tra gli alberi.
Lasciamo a sinistra una casa di legno e torniamo allo scoperto. Percorriamo due curve verso sinistra (m. 1950).
Continuiamo tra i prati. In alto a sinistra vediamo una casa e le cime di due monti. Alla destra ci sono altre case.

Camminiamo tra due recinzioni in legno. Alla destra si stacca una stradina che con un ponte attraversa il torrente. I segnavia indicano: Rgiul 1960 m; diritto: Lungacqua, Rifugio Saoseo CAS, Lagh da Saoseo, Camp; a destra: Sfaz (sentiero); dietro: Terzana, Sfaz, Aurafreida.
Proseguiamo accompagnati da delle pietre conficcate nel terreno sul lato sinistro della strada; pi lontano vediamo un baitello marrone.
Troviamo poi una roccia alla sinistra. A destra invece si sono delle protezioni in legno, di colore verde, verso il torrente e una casa alla quale si accede con un ponticello di legno. Un piccolo sentiero sale a sinistra.

In vista del Rifugio Saoseo e di alcune altre case, passiamo sotto ad un cavo camminando tra un muro di pietre alla sinistra e un prato e il torrente alla destra.
Quasi in piano raggiungiamo il ponte di legno con il quale, passando alla destra del torrente, possiamo arrivare al rifugio. I segnavia indicano: Lungacqua 1985 m; a destra: Lagh da Saoseo 15 min, Lagh da Scispadus 20 min, Lagh da Val Viola 40 m, Pass da Val Viola 1 3/4 h; diritto: Camp 15 min, Lagh da Roan 1 3/4 h, Pass da Val Mera 2 1/4 h, Alp Vago; dietro: Sfaz 1 h, La Rsa 1 1/2 h, Terzana 40 min.
Lasciamo pertanto la sterrata, che prosegue verso il Rifugio Campo e raggiungiamo il Rifugio Saoseo (m. 1985).

Tempo impiegato: ore 1.15 - Dislivello: m. 363
Data escursione: agosto 2013

ESCURSIONI PARTENDO DAL RIFUGIO:
  • al Lago Saoseo (m. 2028) in ore 0.15
  • al Lago Scispadus (m. 2071) in ore 0.20
  • al Lago Viola CH (m. 2159) in ore 0.40
  • al Passo di Val Viola in ore 1.45
  • al Ristoro Campo (m. 2070) in ore 0.15
  • al Lago Roan (m. 2540) in ore 1.45
  • al Passo di Val Mera in ore 2.15
  • all'Alpe Vago
  • a Sfaz (m. 1622) in ore 1
  • a La Rsa in ore 1.30
  • a Terzana in ore 0.40






Dati del Rifugio Saoseo

Altezza:
m. 1985
Gruppo:
Grigioni - CH
Ubicazione:
Lungacqua
Comune:
Poschiavo - GR
Carta Kompass:
96 A6
Coordinate Geo:
4623'49.50"N
1007'07.00"E
Gestore:
Bruno Heis
Telefono:
+41 81 8440766
Posti letto:
80
Apertura:
marzo-aprile e
giugno-ottobre
Pagina inserita
il: 01/01/23
Il Rifugio Saoseo Indicazioni alla partenza Alle nostre spalle il ghiacciaio del Pal Baite e pascoli Lungo la sterrata In localit Regiul In localit Regiul Il Lago Saoseo Il Lago Scispadus Il Lago Viola CH

clicca qui per stampare questa pagina (solo testo)

Rifugio Capanna San Lucio torna su Elenco Alfabetico dei Rifugi: Lettera A

 Valid HTML 4.01! Copyright  Valid CSS!

Pagina vista da 123 visitatori