Rifugio Chianova

Il Rifugio Chianova è situato tra le case di Foppaccia, frazione di Verceia, sul versante sinistro idrografico della Valle dei Ratti, con bella vista panoramica sul sottostante Lago di Mezzola e sulla piana di Chiavenna.
Sulla destra si distinguono nettamente, a mezza costa, i borghi di Codera e Frasnedo, sormontati dalle montagne delle rispettive vallate, tra le quali spicca il Sasso Manduino (m. 2888). Dietro al rifugio si elevano i Monti Bassetta (m. 1746) e Culmine (m. 1818).

C'è una strada in costruzione che sale fino a Foppaccia. Attualmente (settembre 2011) la situazione è la seguente:
- da Verceia fino in località Sceglie il transito non è soggetto a vincoli
- da Sceglie fino al termine del tratto asfaltato il transito è consentito acquistando un permesso giornaliero, al costo di 3 euro, presso il Comune o alcuni bar (Val di Ratt, Pinky, Al sert, Micio) di Verceia.
- da li in avanti in transito non è consentito.

Con la statale 36 dello Spluga arriviamo fino a Verceia.
Superata la galleria che precede il paese, al km 102.2, prendiamo sulla destra la strada che conduce alla chiesa di S. Fedele e prosegue verso il cimitero dopo il quale, giriamo a destra e iniziamo a salire.

Prima di arrivare all'inizio del tratto sterrato troviamo sulla destra dapprima una fontana e poi una rientranza dove c'è spazio per parcheggiare tre autovetture (m. 655).
Poco dopo c'è un tornante destrorso all'esterno del quale è possibile lasciare altre due macchine.
Poi la strada diventa sterrata e da questo punto il transito non è più consentito (m. 670).

Lasciata la macchina ci incamminiamo lungo la sterrata che sale con poca pendenza attorniata da castagni, faggi e betulle. Alcune canaline per lo scolo dell'acqua la attraversano.
Sulla sinistra vediamo una colonnina antincendio e alcune case tra gli alberi.
Percorriamo un ampio tornante sinistrorso, all'inizio del quale sulla destra c'è un terreno recintato dove pascolano alcune mucche, e passiamo sotto i cavi dell'alta tensione (m. 720).
Presso una curva a destra, notiamo una strada che prosegue diritto e conduce verso alcuni ruderi di fronte ai quali ci sono una madonnina degli alpini e una fontana (m. 750).
Più avanti superiamo un tornante sinistrorso all'esterno del quale ci sono un muro a secco e i massi di una vecchia frana (m. 765).
Troviamo poi altri massi franati alla destra della strada.

Poco prima di arrivare ad un tornante destrorso, un sentiero sale a destra. Su di un masso, una freccia bianca e una scritta indicano Foppaccia (m. 790).
Lasciamo pertanto la strada e prendiamo il sentiero. D'ora in avanti seguiremo dei segnavia bianco-rossi e dei bolli rotondi bianchi oppure rossi.
Un cavo di teleferica parte alla destra e sale verso l'alto.
Un cartello appeso ad un albero recita "alla Località Foppaccia per il sentiero della Motta".
Iniziamo a salire in modo abbastanza ripido con alcuni zig-zag.

Poi la pendenza diminuisce un poco e arriviamo ad un bivio (m. 830) dove altri cartelli indicano a sinistra quasi in piano la prosecuzione verso Foppaccia e a destra in salita verso Motta.
Andiamo a sinistra e tra gli alberi riusciamo a intravedere il sottostante Lago di Mezzola.
Dopo un tratto in salita, proseguiamo quasi in piano. In basso a sinistra vediamo ancora la sterrata.
Proseguiamo con poca pendenza e torniamo a vedere il lago (m. 865).
Ignoriamo una traccia che sale a destra e, seguendo un bollo bianco, continuiamo diritto, quasi in piano.
Dopo due passi in discesa, riprendiamo a salire e poi proseguiamo quasi in piano. Più in basso vediamo la sterrata compiere un tornante destrorso.

Dopo altri due passi in discesa, assecondiamo una curva della montagna piegando a sinistra e riprendiamo a salire (m. 880).
Poco dopo ad un bivio ignoriamo il sentiero che a sinistra scende alla sterrata e andiamo a destra tornando a salire zigzagando in modo abbastanza ripido. Di tanto in tanto alcuni rudimentali gradini agevolano il cammino.
Un breve tratto in leggera salita spezza l'ascesa ma subito riprendiamo a salire (m. 905).
Percorriamo un tornante sinistrorso poi la pendenza diminuisce un poco. Alla sinistra vediamo i pali che fanno da sostegno alla teleferica il cui cavo passa sopra al sentiero. Sotto un masso vediamo un quadretto raffigurante una madonna (m. 940).
Percorriamo alcuni passi in piano e passiamo sotto i cavi dell'alta tensione. In questo punto l'assenza di alberi consente un'ampia vista sul lago.
Dopo una breve salita, proseguiamo quasi in piano.

Risalendo dei gradini di pietra, sbuchiamo sulla sterrata (m. 975).
La attraversiamo e riprendiamo a salire con altri gradini. In alto a destra cominciamo a vedere parte del campanile della chiesa di S. Anna.
Percorriamo pochi passi in piano ignorando un piccolo sentiero che scende a sinistra.
Dopo una curva a destra, saliamo in modo abbastanza ripido e passiamo sotto un cavo.
Superata un'altra curva, la pendenza aumenta ancora.
Giunti in cima alla salita, sulla destra vediamo anche la chiesa (m. 1010).
Poco dopo raggiungiamo un altro sentiero, di fronte a una recinzione. Alla sinistra c'è una piccola croce. Andiamo a destra.

Con un ultimo tratto gradinato raggiungiamo la chiesa dedicata a S. Anna (m. 1025) davanti alla quale ci sono delle panche in pietra. Alla destra c'è il campanile staccato dal resto della costruzione. E' un bel punto panoramico sulla vallata e sui monti circostanti.
Pieghiamo poi a sinistra e, con una stradina inerbita e rinforzata da un bordo di cemento alla sinistra, ci avviamo verso le case. Alla destra c'è una bacheca con una cartina della zona e alcuni avvisi.
Il rifugio si trova nel centro dell'abitato, sulla destra, riconoscibile dalla bandiera e da una fontana con vasca collocata davanti all'ingresso.

Tempo impiegato: ore 1 - Dislivello: m. 389
Data escursione: settembre 2011

ESCURSIONI PARTENDO DAL RIFUGIO:
  • traversata al Rifugio Volta o al Bivacco Primalpia in ore 3/4
  • al Monte Bassetta (m. 1746) in ore 2
  • al Monte Culmine (m. 1818) in ore 2.30
  • al Monte Brusada (m. 2143) in ore 4







Dati del Rifugio Chianova

Altezza:
m. 1044
Gruppo:
Val Chiavenna
Ubicazione:
Foppaccia
Comune:
Verceia - SO
Carta Kompass:
92 - B7
Coordinate Geo:
46°11'15.95"N
9°28'11.65"E
Gestore:
Bruno Benaglio
Telefono gestore:
0343 39015
Telefono rifugio:
0343 44342
Posti letto:
12
Apertura:
su richiesta
Pagina aggiornata
il: 02/10/2011
Il Rifugio Chianova Panorama Il Sasso Manduino La chiesa di S. Anna La strada in costruzione

clicca qui per stampare questa pagina (solo testo)

Rifugio Cespedosio torna su Bivacco Chiara e Walter

 Valid HTML 4.01! Copyright  Valid CSS!

Pagina vista da 12027 visitatori