Rifugio Alpini Santo Stefano

Il rifugio è situato ai piedi dell’Alpe Rogneda, su di un dosso prativo, di fronte alla chiesetta di S. Stefano.
Una targa in marmo sulla facciata recita: "Antica baita canonica, anno domini 1177, restaurata dal Gruppo Alpini di Tresivio in collaborazione con simpatizzanti e volontari nell’anno 1985, a memoria degli alpini caduti".
Il rifugio dispone di un locale bivacco, che abbiamo trovato aperto e che contiene sei brande con materassi e coperte, tavolo e panche, camino, un po' di legna e alcune stoviglie.

Dopo aver superato Sondrio e Poggiridenti, lasciamo la statale 38 al km. 43.3 per imboccare sulla sinistra (nord) la provinciale 21 dir B in direzione Tresivio.
Attraversato il paese, la carrozzabile prosegue in salita passando per Piedo, S. Abbondio e Prasomaso.
In vista di Boirolo, lasciamo la macchina in uno slargo all'interno di un tornante destrorso (m. 1570).

Ammirato il panorama sulla lunga catena delle Orobie che sfilano ben allineate sull'altro versante della valle, ci incamminiamo in leggera salita lungo la strada asfaltata.
Alla sinistra ci sono le poche case di Boirolo in posizione più elevata rispetto alla strada che è costeggiata da un muretto; alla destra invece degradano dei prati.
Giunti al termine dell'abitato, la strada diventa sterrata ed un cartello stradale indica il divieto di transito agli automezzi (m. 1580).
Un pannello sulla sinistra riporta una cartina stilizzata e le possibili mete:
A - Boirolo (m. 1580) S.Stefano (m. 1650) Arcin (m. 1770): ore 3.00
B - Arcin (m. 1770) Mara (m. 1940) Rogneda (m. 2310) Rhon (m. 2200): ore 4.30
C - Rhon (m. 2200) Campondola (m. 2214): ore 1.30
D - Campondola (m. 2214) Campo (m. 1675): ore 1
E - Campo (m. 1675) S. Bernardo (m. 1240): ore 1
F - Campo (m. 1675) Fiorinale (m. 1750): ore 1
G - S. Bernardo (m. 1240) S. Antonio (m. 1270): ore 2
H - S. Antonio (m. 1270) Dalico (m. 1355): ore 2

Subito dopo lasciamo a destra una stradina privata chiusa da una stanga. Alla sinistra c'è una pineta rinchiusa da una staccionata e alla destra dei prati.
Il lato destro della stradina è ricoperto da una striscia di cemento. In alto a sinistra vediamo alcune case nei prati.
Proseguiamo in salita tra radi alberi, in prevalenza pini e betulle. Ora la strada è ricoperta da due strisce di cemento e, di tanto in tanto, è attraversata de una canalina per lo scolo dell'acqua. In questo punto, alla destra, il panorama mostra oltre alle Orobie anche i paesi sul fondovalle.

Ignoriamo una stradina alla sinistra che conduce verso una casa (m. 1625).
Percorriamo un tornante sinistrorso presso il quale troviamo una rudimentale panchina realizzata con mezzo tronco. La stradina torna ad essere sterrata.
Dopo il successivo tornante la pendenza aumenta e ricompaiono le due strisce di cemento.
Percorriamo un altro tornante, aggirando verso sinistra due case poste in bella posizione panoramica (m. 1660).
Un rivolo attraversa passando sotto a delle pietre.

Davanti ci sono dei prati; un tavolo e panche alla sinistra e una rudimentale panchina alla destra. Un cartello informa che siamo in località Biazza (m. 1670).
Al termine del prato, un altro rivolo attraversa il cammino passando sotto a delle pietre.
Alla destra c'è un casello dell'acquedotto. In salita entriamo in una pineta. In questo punto il fondo stradale è lastricato.
Presso una curva a destra troviamo uno slargo e una rudimentale panca (m. 1705). Proseguiamo con le solite due strisce di cemento ai lati.
Dopo una curva a destra (m. 1750), sulla sinistra vediamo delle protezioni realizzate con dei rami di pino. Dalla destra sale un piccolo sentiero. Sempre a destra c'è un altro casello dell'acquedotto.
Proseguiamo su sterrato in leggera salita. Sulla destra c'è un'altra panchina.
Riprendiamo a salire circondati da un bosco di conifere e ancora con le due strisce di cemento ai lati.

La pendenza poi diminuisce (m. 1790).
Sulla destra c'è una costruzione interrata che probabilmente funge da magazzino e ripostiglio per il rifugio.
Troviamo un'altra panca simile alle precedenti e giriamo a destra lasciando la strada che prosegue verso l'Alpe Rogneda.
Sulla destra c'è una area pic-nic con tavoli e panche. Attraversiamo un prato e raggiungiamo la chiesetta e il rifugio.

Tempo impiegato ore 0.25 - Dislivello m. 236
Data escursione: maggio 2011

ESCURSIONI PARTENDO DAL RIFUGIO:
  • all’Alpe Rogneda (m. 2186) in ore 1
  • al Lago Rogneda (m. 2316) in ore 2
  • al Rifugio Gugiatti-Sartorelli (m. 2137) in ore 2
  • al Corno Mara (m. 2809)
  • alla Corna Brutana (m. 3059)
  • alla Vetta di Rhon (m. 3136)



Dati del Rifugio Alpini Santo Stefano

Altezza:
m. 1806
Gruppo:
Valtellina
Ubicazione:
Santo Stefano
Comune:
Tresivio - SO
Carta Kompass:
93 - C7
Coordinate Geo:
46°12'02.10"N
9°57'00.20"E
Gestore:
ANA Tresivio
Telefono gestore:
-
Telefono rifugio:
-
Posti letto:
6
Apertura:
-
Pagina aggiornata
il: 26/08/2015
Il Rifugio Alpini S. Stefano Il Rifugio Alpini S. Stefano in inverno Panorama dal tornante dove parcheggiamo Una baita in posizione panoramica Panorama sulla catena delle Orobie La chiesa di S. Stefano Il portico della chiesa Area pic-nic attorno al rifugio Veduta invernale attorno al rifugio Il locale bivacco del rifugio

clicca qui per stampare questa pagina (solo testo)

Rifugio Alpini Piateda torna su Bivacco Anghileri Rusconi

 Valid HTML 4.01! Copyright  Valid CSS!

Pagina vista da 12884 visitatori